LA SECONDA GENERAZIONE DEI BAMBINI DI CHERNOBYL: LE PROSPETTIVE PER IL FUTURO

LA SECONDA GENERAZIONE DEI BAMBINI DI CHERNOBYL: LE PROSPETTIVE PER IL FUTURO
Il centro “Ecologia e Salute” del prof. Yuri Bandazhevsky ha inviato a Mondo in Cammino (partner ufficiale del Centro) le slides degli interventi del recente tour italiano. Le slides – ancora da tradurre – sono pubblicate in anteprima affinché possano essere utilizzate nell’imminente celebrazione del trentennale di Chernobyl.
L’utilizzo deve contenere le seguenti segnalazioni: copyright “Centro Ecologia e salute” di Ivankov, Ucraina; per concessione dell’OdV “Mondo in Cammino”.

[OLTRE RADINKA – SALVIAMO LA SECONDA GENERAZIONE DEI BAMBINI DI CHERNOBYL]

GUARDA ANCHE >>> Yuri Bandazhevsky nel trentennale del disastro nucleare: Chernobyl non è finita è appena iniziata

Speciale Gr1 – Chernobyl, 30 anni dopo

Lo speciale di RAI RADIO 1 su “Chernobyl, 30 anni dopo” con Massimo Bonfatti, il professor Yuri Bandazhevsky, dall’ospedale di Ivankov in Ucraina e tanti altri ospiti.

Il più grave disastro nucleare della storia. Nella notte tra il 25 e il 26 aprile del 1986 esplode il reattore numero 4 della centrale di Cernobyl, nel nord dell’Ucraina. Un urto radioattivo centinaia di volte superiore a quello di Hiroshima e Nagasaki. Vaste regioni contaminate, migliaia di vittime, città evacuate, danni ambientali ed economici incalcolabili. Una nube radioattiva che in poche ore raggiunge l’Europa centrale fino a investire anche l’Italia. Uno shock che provoca il ridimensionamento e la cancellazione di molti programmi nucleari nel mondo.
Giorgio Zanchini dall’ospedale di Ivankov, nei pressi di Chernobyl, Ilaria Sotis dalla centrale nucleare della Sogin di Borgo Sabotino e tanti ospiti in diretta.

PRIMA PARTE (clicca l’immagine per avviare l’audio)

SECONDA PARTE (clicca l’immagine per avviare l’audio)

TERZA PARTE (clicca l’immagine per avviare l’audio)

>>> GUARDA ANCHE: L’ANNIVERSARIO DI CHERNOBYL NELLE ZONE RADIOATTIVE [LO SPECIALE DI PROGETTOHUMUS]

Condividi sui social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *