26.04: la clip di Noize MC. Intervista al regista Alexei Terekhov.

“26.04” come ha scritto il musicista Ivan Alekseev, noto come Noize MC, “è una canzone dedicata a tutte le persone che sacrificano la propria vita e salute per la salvezza degli altri”.

Il regista Alexei Terekhov ha girato la clip per il brano musicale ed ha rilasciato un’intervista, apparsa online, a Rodina. Di seguito , estratti dell’intervista.

In calce il testo della canzone in russo e in italiano 

“Il nostro video su Chernobyl è un documentario”

Il regista Terekhov è bielorusso e vive e lavora in Canada, a Toronto, il luogo in cui è stata girata la clip. I creatori del video hanno ringraziato Alla Sychenko, la vedova del fotografo Igor Kostin. Fu lui a scattare la maggior parte delle foto più famose di Pripyat, anche sul tetto del reattore distrutto, dove la gente scaricava a mano la grafite. Sono state pure utilizzate immagini di Vitaly Ankov, Valery Zurafov, Gennady Savkin.

Guardando i fotogrammi della città chiusa “Pripyat” il regista ha pensato di proiettarli su una città moderna (Toronto) in questo momento storico, in cui le città sono vuote, quando il nemico – sia esso  radiazioni o pandemia da coronavirus, – non è visibile, ma mortale.

Fra gli altri, il regista ha pensato a Alexander Vishnevsky, un testimone oculare, nato nel villaggio di Ilintsy, ora parte della zona di esclusione. Vishnevsky ha lavorato a Pripyat, dove ha anche giocato per la locale squadra di calcio. In alcune partite ha pure incontrato Vasily Ignatenko, un pompiere che è stato investito da dosi letali di radiazioni subito dopo essere accorso per spegnere l’incendio nella centrale saltata in aria.

Vishnevsky, testimone oculare, ha ricordato così quegli eventi: “La mattina del 26 stavo andando a Pripyat – avremmo dovuto allenarci.  Ma non c’erano autobus disponibili. Mi recai, allora, a  Chernobyl, ma nemmeno lì ne trovai. Era tutto bloccato. Vi erano solo infinite colonne militari.”

Le fotografie di queste colonne militari sono presenti nel video. Oltre a fotogrammi di epoca nel video sono presenti similitudini fra Pripyat e Toronto: autopompe antincendio sia nell’una che nell’altra città;  le persone sul ponte che osservano il fuoco della centrale nucleare e altre che osservano l’intera metropoli e le sue luci; un parco divertimenti abbandonato a Pripyat e un parco chiuso a causa del coronavirus nella città canadese; un lavoratore che esegue lavori stradali a Toronto e i liquidatori che lanciano pezzi di grafite dal tetto della centrale nucleare.

“Volevo mostrare la connessione dei tempi. E’ una sorta di appello – dice Alexei Terekhov. – L’idea del video: o un personaggio importate che ricorda quegli eventi, o il figlio di un liquidatore che immagina come sia stato. Deliberatamente non abbiamo indicato chi sia. Decideranno le persone da sole”

Nel video, appaiono il figlio e la figlia di Terekhov; anche i pompieri di Toronto hanno partecipato volontariamente.

Il video ha diversi dettagli interessanti. Ad esempio, il biglietto della partita di calcio a Kiev tra la Dinamo e lo Spartak di Mosca, che si è tenuta il giorno dopo il disastro. Parteciparono 82 mila spettatori. Invece a Pripyat, a cento chilometri da Kiev, la partita a cui avrebbe dovuto partecipare Alexander Vishnevsky, fu annullata. Questa, invece, no!

“Su Internet ci sono molte foto dei biglietti di quella partita. Il timbro con la data è originale. Era proprio così ”, dice Terekhov.

Quella notte per fortuna il vento, molto forte, soffiò in un’altra direzione.

Nella canzone c’è il seguente verso:

“Il fuoco è fuoco, ma c’è anche un dramma più raffinato: Chi vince – lo “Spartak” di Mosca o la “Dinamo” di Kiev?”

In effetti, le persone sfuggirono miracolosamente all’irraggiamento, perché il vento quella notte soffiava dall’altra parte. “Un vento molto forte. Questo non è mai successo nello stadio a Kiev. Ma siamo stati fortunati – non stava soffiando da Chernobyl “, ha ricordato il giocatore dello Spartak Alexander Bubnov in un’intervista.

Le maschere antigas le ha portate direttamente Alexei Terekhov dalla Bielorussia. Quando gli attori hanno camminato, indossandole, per le strade di Toronto, nessuno dei locali è stato preso dal panico, vi ha prestato attenzione.

Terekhov aveva 13 anni quando successe Chernobyl. Ricorda quando l’insegnante pronunciò questa parola a scuola. Ma cosa successe esattamente, tutti lo capirono, molto più tardi.

E grazie, anche, al passaparola.

“Ero nella zona di esclusione – sulla strada per Kiev”, dice Terekhov. Il transito prima era consentito, adesso non lo so. I miei parenti vivevano a Narovlya. Là c’era il confine con la zona di esclusione. Mi sembra che la serie Chernobyl, che è stata girata dal canale HBO, abbia mostrato il significato delle menzogne ​​di coloro che volevano tacere le informazioni sull’esplosione. Le autorità hanno mentito – e questa menzogna stava uccidendo la gente”.

Chernobyl è una lezione per tutta l’umanità.

Terekhov è un regista di documentari. Ma ha anche lavorato a un video musicale, in particolare, per il gruppo bielorusso Lyapis Trubetskoy e realizzato clip per Ivan Alekseev – Noize MC.

– Quando Ivan mi ha chiamato e mi ha parlato di Chernobyl, ho pensato: “Mio Dio, questo è un argomento molto profondo”. Pertanto, ho immediatamente concepito la clip come un piccolo documentario.

Ci sono episodi che cattureranno persone che ricordano quel momento: foto delle dimostrazioni del Primo Maggio a Kiev, ritratti di famosi calciatori che hanno preso parte a quella partita.

E i giovani, dopo aver visto la clip, saranno probabilmente interessati al tema di Chernobyl o, come dice Alexei, “si immergeranno più a fondo in questa “schiuma””:

– Sebbene nella serie HBO tutto fosse perfettamente raccontato e mostrato, noi abbiamo aggiunto semplicemente bolle a questa “schiuma”.

Fonte: https://rg.ru/2020/04/30/rezhisser-klipa-noize-mc-soedinil-v-nem-zonu-otchuzhdeniia-i-toronto.html

TESTO DELLA CANZONE

Originale

[Припев]
Видишь света столб ослепительный
Бьющий в апрельское небо над Припятью?
Скоро птицами на асфальт пепел выпадет:
Краснокожий Первомай, рентгены дикие
Волдыри и тошнота. Эвакуация
Ликвидаторы, дозиметристы, милиция
В окне на кухне небывалая иллюминация:
Рукотворный Везувий в ночь плюётся частицами

[Куплет 1]
В роддомах ищут сосцы маленькие Тельцы
Копят невидимые тельца заразной пыльцы
Куда-то срочно всем скопом отъехали отцы
И возвращаются на «скорых»
Совсем недавно он весёлым был и живым
Но уязвимости пропорции искажены
Ткани поражены, рыдания чьей-то жены
Блуждают эхом в коридорах
Пустеет город, трещат приборы
Сквозь тонны бора и песка летят нейтроны
Сбоят нейроны
Сходят слоями с тел покровы
Войска гражданской обороны в бою с графитом несут урон
И призраков ждут вдовы дома
Кто-то здесь прямо в процессе сгорит совсем
Других настигнет позже цезий-137
Над человеческими ульями туча ползёт
Неправильные пчёлы тащат в город неправильный йод

[Припев]
Видишь света столб ослепительный
Бьющий в апрельское небо над Припятью?
Скоро птицами на асфальт пепел выпадет
Краснокожий Первомай, рентгены дикие
Волдыри и тошнота. Эвакуация
Ликвидаторы, дозиметристы, милиция
В окне на кухне небывалая иллюминация
Рукотворный Везувий в ночь плюётся частицами

[Куплет 2]
Энергии навалом у нас тут: спасибо мирному атому
Махнём к твоим на Пасху, к моим — на Девятое
На этих выходных — картоха, на Первое — в лес
На наши планы целой эпохи хватит только в обрез
На наши планы сил и здоровья нужен целый вагон
Айда на мост бегом — оттуда, говорят, виден огонь
Там по грязному притоку в прекрасное далёко
Начинают путь дары четвёртого энергоблока
Да всё в порядке, в целом, с фоном радиационным
Уже вот-вот откроют новый парк аттракционов!
Пожар пожаром, но есть и поизысканней драма:
Кто кого — московский «Спартак» или киевское «Динамо»?
Скрипят колясками мамы, неспешно крутятся спицы
Некуда торопиться — впереди ещё лет тридцать
Плутоний в Зоне превратится в америций
Время разложит очевидцев по онкобольницам

[Припев]
Видишь света столб ослепительный
Бьющий в апрельское небо над Припятью?
Скоро птицами на асфальт пепел выпадет:
Краснокожий Первомай, рентгены дикие
Волдыри и тошнота. Эвакуация
Ликвидаторы, дозиметристы, милиция
В окне на кухне небывалая иллюминация:
Рукотворный Везувий в ночь плюётся частицами

[Проигрыш]

[Бридж]
В роддомах ищут сосцы маленькие Тельцы
Копят невидимые тельца заразной пыльцы
Куда-то срочно всем скопом отъехали отцы
И возвращаются на «скорых»
Совсем недавно он весёлым был и живым
Но уязвимости пропорции искажены
Рыдания чьей-то жены
Блуждают эхом в коридорах

TRADUZIONE IN ITALIANO

[Rit.] La vedi la colonna accecante di luce Che sgorga nel cielo di aprile sopra Pripyat?
Presto con gli uccelli cadrà la cenere sull’asfalto: Primo maggio dalla pelle rossa, raggi X selvaggi,  Vesciche e nausea. Evacuazione
Liquidatori, dosimetristi, polizia
Alla finestra nella cucina un’illuminazione straordinaria:
Il Vesuvio artificiale nella notte sputa particelle

[Verso1]
Piccoli corpicini cercano capezzoli nelle maternità Accumulano corpi invisibili di polline infetto
Da qualche parte velocemente e assieme i padri si sono allontanati Sono tornati nelle “ambulanze”
Poco tempo fa era allegro e vivo
Ma le proporzioni vulnerabili si sono deformate, I tessuti sono colpiti, i singhiozzi della moglie di qualcuno
Vagano con l’eco nei corridoi. La città si svuota, gli strumenti tremano
Volano i neutroni attraverso tonnellate di boro e sabbia
Rovinano i neuroni
Le protezioni a pezzi vanno via dai corpi
Le truppe di difesa civile in lotta con la grafite ne traggono danno
Le vedove a casa aspettano spettri
Qualcuno sta completamente bruciando
Altri saranno raggiunti più tardi dal cesio 137
La nube  striscia sopra alveari umani Api sbagliate trascinano in città iodio sbagliato

[Rit.] La vedi la colonna accecante di luce Che sgorga nel cielo di aprile sopra Pripyat?
Presto con gli uccelli cadrà la cenere sull’asfalto: Primo maggio dalla pelle rossa, raggi X selvaggi,  Vesciche e nausea. Evacuazione
Liquidatori, dosimetristi, polizia
Alla finestra nella cucina un’illuminazione straordinaria:
Il Vesuvio artificiale nella notte sputa particelle
La vedi la colonna accecante di luce

[Verso 2] Qui c’è energia a bizzeffe: grazie all’atomo pacifico
Andremo dai tuoi per Pasqua, il Nove dai miei
Quando non si lavora – per le patate, per il Primo – nella foresta.
Nei nostri piani un’intera epoca non basta
Nei nostri piani la forza e la salute hanno bisogno di un intero vagone
Andiamo di corsa al ponte – da lì, dicono, si vede il fuoco
La, con un grigio afflusso, a bella distanza,
Iniziano il viaggio i doni del quarto blocco
Sì complessivamente, è tutto in ordine, con il fondo di radiazioni
Stanno ormai per aprire il nuovo parco divertimenti!
Il fuoco è fuoco, ma c’è anche un dramma più raffinato: Chi vince – lo “Spartak” di Mosca o la “Dinamo” di Kiev?
Le madri cigolano con le carrozzelle, i raggi girano senza fretta
Non c’è da affrettarsi – ci sono ancora trent’anni davanti
Il plutonio nella Zona si trasformerà in americio Il tempo assegnerà testimoni oculari nelle oncologie

[Rit.] La vedi la colonna accecante di luce Che sgorga nel cielo di aprile sopra Pripyat?
Presto con gli uccelli cadrà la cenere sull’asfalto: Primo maggio dalla pelle rossa, raggi X selvaggi,  Vesciche e nausea. Evacuazione
Liquidatori, dosimetristi, polizia
Alla finestra nella cucina un’illuminazione straordinaria:
Il Vesuvio artificiale nella notte sputa particelle

[Strumentale]

[Bridge] Piccoli corpicini cercano capezzoli nelle maternità Accumulano corpi invisibili di polline infetto
Da qualche parte velocemente e assieme i padri si sono allontanati Sono tornati nelle “ambulanze”
Poco tempo fa era allegro e vivo
Ma le proporzioni vulnerabili si sono deformate, I tessuti sono colpiti, i singhiozzi della moglie di qualcuno
Vagano con l’eco nei corridoi.

Traduzione: Massimo Bonfatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *