Autore Topic: 27/04/17 Nella "zona": Anniversario di Chernobyl in Bielorussia  (Letto 793 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Administrator

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.556
    • Mostra profilo
    • MONDO in CAMMINO
    • E-mail
Il trentunesimo anniversario di Chernobyl in Bielorussia

La Bielorussia, il paese maggiormente colpito dal fallout nucleare del disastro nucleare di Chernobyl, ha ricordato le vittime di questa catastrofe con eventi ufficiali e della società civile.

Commemorazione della Protezione Civile Bielorussa (MCS) a Minsk

Il 26 Aprile a Minsk, in Via Ignatenko, si è svolta una manifestazione dedicata al trentunesimo anniversario del disastro di Chernobyl a cui hanno partecipato i liquidatori dell'incidente, gli operatori del soccorso, i giovani soccorritori e vigili del fuoco.

26 aprile a Minsk per la strada. Ignatenko ha tenuto una riunione dedicata al 31 ° anniversario del disastro di Chernobyl. Alla riunione hanno partecipato i liquidatori dell'incidente, operatori del soccorso, i giovani soccorritori-vigili del fuoco.



Lukashenko e Poroshenko in visita alla centrale nucleare di Chernobyl

I Presidenti di Bielorussia ed Ucraina hanno fatto visita al sito del disastro nucleare, in occasione del trentunesimo anniversario di questa catastrofe.
Cliccando qui è possibile leggere i contenuti del discorso del capo di stato bielorusso, Alexander Lukashenko



A Minsk, la "Marcia di Chernobyl" dei partiti d'opposizione e della società civile

Nel pomeriggio del 26 Aprile, a Minsk, si è svolta la tradizionale "Marcia di Chernobyl", organizzata dai partiti d'opposizione, dalle associazioni umanitarie e società civile bielorussi, a cui hanno partecipato circa 1000 persone.
La manifestazione si è svolta fra alcune vie della città ed è terminata presso Piazza Bangalore con l'omaggio dei partecipanti al monumento ai caduti di Chernobyl.
I manifestanti hanno chiesto e ribadito che venga bloccata la costruzione di una nuova centrale atomica ad Astravets, nella regione di Grodno, ad opera del governo. Secondo alcune fonti indipendenti ed alcuni ambientalisti, questo progetto avrebbe parecchie anomalie e violerebbe i trattati internazionali sulla sicurezza.
Sono stati richiesti anche una maggior tutela, da parte dello Stato, nei confronti delle vittime di Chernobyl e la liberazione dei prigionieri politici. [VEDI QUI]



>>> Lo scienziato bielorusso in esilio: Chernobyl non è finita... è appena iniziata!

L’ombra del disastro di Chernobyl incombe ancora sulla Bielorussia
Traduzione di ProgettoHumus da http://www.charter97.org



L’incidente alla centrale nucleare di Chernobyl ha costretto migliaia di abitanti dei villaggi bielorussi ad abbandonare le loro case.
“Radio Liberty” ha accompagnato dei giornalisti svedesi nelle province di Slauharad, Krasnapolle, e Cherykau. [CLICCA QUI E GUARDA L'ARTICOLO COMPLETO]


La visita dei villaggi abbandonati per il Radunitsa

Molti bielorussi, in occasione del periodo dell'anno in cui si ricordano i defunti (Radunitsa), hanno fatto visita ai cimiteri che ancora si trovano nei villaggi abbandonati.
In occasione di queste giornate, alcune zone di esclusione, ovvero quelle maggiormente radioattive, sono state riaperte.
Di seguito una fotogallery del ritorno delle persone ai villaggi abbandonati in occasione dei "giorni dei morti", a cura di Belapan:
































CHERNOBYL 31 ANNI DOPO: LA DENUNCIA DI MONDO IN CAMMINO AL PARLAMENTO EUROPEO
« Ultima modifica: 27 Apr 17, 10:11:03 am da Administrator »