Autore Topic: 20/02/17 RILEVAMENTO DI TRACCE DI IODIO RADIOATTIVO IN EUROPA A GENNAIO 2017  (Letto 613 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

massimo

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.025
    • Mostra profilo
    • MONDO in CAMMINO
    • E-mail
RILEVAMENTO DI TRACCE DI IODIO RADIOATTIVO IN EUROPA DURANTE IL MESE DI GENNAIO 2017
Fonte: QUI. Traduzione di ProgettoHumus.

Premessa a cura del presidente di Mondo in cammino.
La minimizzazione del rischio è ormai l'unica cosa che sta cuore ai fautori del nucleare.
In questo caso viene sottolineato che lo Iodio131 ha un'emivita breve (cosa volete che sia?) e poi, come un ritornello stonato che ormai conosco a memoria, si afferma che non ci sono conseguenze sanitarie.
Con queste premesse è logico che la fuga radioattiva rimanga "ignota", anzi che non valga assolutamente la pena indagare.
Cosa importa se poi si dimentica di dire che se Iodio131 circola nell'aria è perché da qualche parte deve essere fuggito, tipo qualche centrale nucleare? E che se poi è fuoriuscito da qualche centrale, significa sicuramente che qualche altro radionuclide artificiale deve averlo accompagnato nella fuga? Ma si sa che se non si cerca, ovviamente non si trova e, quando eventualmente o fortuitamente si trova, la notizia passa sotto traccia. 
Comunque, e lo sostengo da una vita e continuerò a sostenerlo con ostinazione, mai che venga preso in considerazione il problema del cumulo dei vari radionuclidi che aleggiano attorno a noi. E così, pian piano, questa volta ci becchiamo lo Iodio131 che viene dopo, assieme e prima di altri radionuclidi che verranno sversati nell'ambiente. Se non vi sapremo porre rimedio, fra qualche generazione vedremo da noi quello che sta succedendo, in piccolo e circostanziato, nelle popolazioni delle province ucraine di Ivankov e Polesie e nei bambini di Radinka  Pian piano, lentamente... Non abituiamoci!
Massimo Bonfatti

L'ARTICOLO.
Iodio131, radionuclide  d’origine artificiale, è stato rilevato nel gennaio 2017, sotto forma di tracce nell’aria a livello del suolo in Europa. La prima segnalazione fa riferimento ad un campione prelevato durante la seconda metà di gennaio nell’estremo nord della Norvegia. Altri rilevamenti di Iodio131 sono stati osservati in Finlandia, Polonia, Repubblica Ceca, Germania, Francia e Spagna sino alla fine del mese di gennaio.
Lo Iodio131 è un radionuclide di cui il periodo radioattivo è breve (8,04 giorni). Il rilevamento di questo radionuclide a vita breve attesta un’emissione relativamente recente.
Oltre al rilascio dello Iodio, di cui non si conosce ancora la fonte, condizioni meteorologiche avverse, correlate soprattutto a “inversioni di temperatura”*, hanno verosimilmente contribuito al livello di concentrazione di questo radionuclide, così come a quello di altri radionuclidi d’origine naturale come il Piombo210** o, ancora, alla concentrazione di particolato fine (PM2,5 e PM10), portando in definitiva a quegli episodi di contaminazione registrati specialmente nella parte occidentale dell’Europa nel corso della quarta settimana.
Questi livelli non hanno conseguenze sanitarie.
L’insieme dei dati proviene da una rete di scambio europeo informale, denominata “Ring of five”, fra cui ci sono organismi incaricati della sorveglianza radiologica dell’atmosfera. In Francia, l’IRSN ha la missione di sorveglianza dell’atmosfera a livello territoriale e per il suo compito dispone della rete OPERA-Air, stazioni di raccolta di aerosol per filtrazione d’aria a bande molto grandi (da 700 a 900 metri cubi d’aria per ora) e di mezzi di misurazione capaci di rilevare tracce di radionuclidi.

Livelli di Iodio 131 (+/- è il valore di incertezza) sotto forma di aerosol nell’aria (µBq/m3).



Note:
* Fenomeno di stratificazione termica dell’atmosfera che colpisce speso gli strat inferiori dell’atmosfera durante l’inverno. L’aria più fredda al suolo che in altezza blocca o limita considerevolmente la dispersione degli inquinamenti atmosferici.
** Il livello massimo di Piombo210, registrato nel corso del mese di gennaio nell’aria in Francia dalla rete OPERA-Air dell’IRSN, è stato di 1600 µBq/m3, ovvero 4 volte superiore il livello medio abituale.

TESSERAMENTO 2017 A MONDO in CAMMINO [clicca qui]

« Ultima modifica: 21 Feb 17, 13:04:11 pm da Administrator »