Autore Topic: TERREMOTO CENTRO ITALIA: UNA CUCINA MOBILE PER I BIMBI DI PIEVEBOVIGLIANA  (Letto 1335 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

massimo

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.040
    • Mostra profilo
    • MONDO in CAMMINO
    • E-mail
UNA CUCINA MOBILE PER I BIMBI DI PIEVEBOVIGLIANA

QUESTA PAGINA NON E' AGGIORNATA. GLI AGGIORNAMANTI SONO STATI TRASFERITI A QUESTA ALTRA PAGINA: http://www.progettohumus.it/public/forum/index.php?topic=2432.0

Leggere la premessa al seguente link: http://www.progettohumus.it/public/forum/index.php?topic=2432.0



INTRODUZIONE
Pievebovigliana è stato un comune autonomo fino al 31/12/2016. Dal primo gennaio 2017 è confluito, assieme al comune di Fiordimonte, a formare il nuovo comune di Valfornace in provincia di Macerata. Il nuovo comune consta di 1068 abitanti.
Valfornace è il cosiddetto “comune sparso” e riconosce il proprio capoluogo in Pievebovigliana, sede dell’amministrazione comunale. Dal 13 gennaio 2017 è retta da un Commissario prefettizio.
Pievebovigliana è la sede diretta del progetto in questione. E’ situata a 439 metri sul livello del mare e fa parte della Comunità Montana Alte Valli del Fiastrone-Chienti-Nera

Dal sito dell’Amministrazione comunale: “Anche se un paese, nella sua ristretta dimensione, non è in grado di riassumere tutte le caratteristiche paesaggistiche, sociali ed artistiche di un’intera nazione, Pievebovigliana può ugualmente costituire un felice esempio dei tanti piccoli centri che costellano le campagne italiane. Nel suo territorio, le ricche testimonianze di ogni epoca storica si confrontano con la bellezza di una natura incontaminata, in un delicato scenario di rara armonia, che dà vita ad un originale equilibrio ambientale. Il fascino del territorio di Pievebovigliana, da sempre crocevia di popoli, si deve alla sua posizione mediana. Con i suoi torrenti, i suoi laghi e le sue ampie vallate, incastonate tra colli e monti, esso offre il tipico paesaggio di media ed alta collina che caratterizza il versante adriatico della dorsale appenninica. Da un lato si aprono le vallate che conducono alla fertile pianura marchigiana, dall’altro, risalendo a ritroso quelle stesse valli, si accede ai primi pascoli montani, preludio del peculiare paesaggio dei Monti Sibillini. Del resto, una parte dello stesso territorio comunale è compresa all’interno dell’omonimo Parco Nazionale”.

Il 26 e il 30 ottobre Pievebovigliana è stata colpita da un forte sisma che ha lesionato e reso inagibile oltre il 70% degli edifici. Il 70% della popolazione è stata sfollata e alloggiata in alberghi della  costa marchigiana.

OBIETTIVI
Il progetto “Una cucina mobile per i bimbi di Pievebovigliana” si pone l’obiettivo di realizzare e affiancare ai moduli scolastici, che dovranno essere allestiti per l’inizio dell’anno scolastico 2017/18 e realizzati da parte del gruppo Salini Impregilo, un altro modulo destinato alla preparazione del cibo con lo scopo di assicurare il diritto alla mensa ai circa 100 bambini che verranno ospitati nella struttura scolastica che comprenderà 2 aule per la Scuola Materna, 5 aule per la Scuola Elementare e 2 aule per la Scuola Media oltre a stanze di servizio (sale insegnanti e 2 bagni). La realizzazione della “Cucina mobile” e della struttura scolastica, per motivi tecnici/gestionali (il basamento e le opere di urbanizzazione affidate al Genio Civile dell'Esercito) dovranno andare di pari passo fra loro e accompagnare anche il reinsediamento della popolazione previsto entro l’autunno con l’assegnazione delle casette di legno.

Altro obiettivo è quello di non sradicare il tessuto sociale di Pievebovigliana. Sia l’amministrazione che gli abitanti stanno lottando tenacemente per evitare lo spopolamento del proprio paese. Le famiglie, pur con molti sacrifici, hanno deciso di mandare i loro figli a scuola nella tensostruttura del paese nonostante il lungo viaggio, per molti di essi, dalla costa. Gli stessi genitori, sia gli stanziali che quelli alloggiati negli alberghi della costa o presso parenti e amici, cercano di ritrovarsi il più possibile a Pievebovigliana per non perdere il senso di comunità e si incontrano nell’unico bar e panetteria rimasti aperti. La “Cucina mobile” si inserisce in questo contesto di resistenza e prospettiva per un prossimo futuro che renda ai residenti il maggiore ripristino della quotidianità che le scosse cercano di scoraggiare. Una sfida a cui si affianca anche la solidarietà del progetto.


il progetto dei moduli delle nuove scuole

LA CUCINA MOBILE
La “Cucina mobile” sarà una struttura  di circa 30 metri quadri (vedi disegno di seguito). All’interno é previsto un bagno con antibagno/spogliatoio e la seguente attrezzatura: 4 fuochi più forno, cuocipasta e cappa di aspirazione, 2 vasche lavaggio e lavamani, frigorifero/congelatore, lavastoviglie con piano di appoggio per stoviglie, lavatrice, tavoli inox per preparazione alimenti, affettatrice, dispensa, scaffalatura..



PROMOTORE DEL PROGETTO
Mondo in cammino e www.nonlasciamolisoli.it

PARTNERS/COLLABORAZIONI (in costante aggiornamento)
Associazione “Ti do una mano” di Monza; Associazioni di volontariato di Cuggiono (MI), Osteria sociale La tela di Rescaldina (MI), Comuni del Castanese (MI), Comitato intercomunale per la pace del Magentino; Pro Loco Carmagnola (TO); Pro Loco Jesi (AN); Consulta per la Pace di Jesi (AN); Circolo SMAT di Torino (TO), Associazione S3 di Sommacampagna (VR), Associazione “L’abbraccio, Solidarietà e Accoglienza” di Nerviano (MI), Scuola Santa Caterina di Magenta (MI), Associazione “L’albero del riccio” di Santo Stefano Ticino (MI), Associazione San Lorenzo di Collegno (TO), Parrocchia di Sedriano (MI), Morando SPA di Andezeno (TO), Unitre Collegno (TO)


l'attuale tensotruttura provvisoria per scuole elementari e medie

DITTA SCELTA
ATIS SRL
Via Pontebbana 19
33098 Valvasone -Arzene (PN)

PIANO FINANZIARIO
L’obiettivo da raggiungere è di circa 65.000 euro (si intende consegna chiavi in mano e a prezzo ivato; si rammenta che la struttura non è di serie, ma progettata secondo i parametri e le richieste inoltrati da Mondo in cammino in collaborazione con l'ufficio tecnico di Pievebovigliana). A questa cifra si dovrà aggiungere un'ulteriore cifra di garanzia di 5.000/6.000 euro qualora il Comune, in un primo momento, non potesse disporre della liquidità, da parte dei finanziamenti garantiti all'uopo per i comuni terremotati, sufficienti per realizzare e rendere disponibile una platea di cemento armato per l'intallazione del modulo della cucina mobile. Successivamente, a liquidatà garantita per o dal Comune, la quota di garanzia sarà destinata ad altri interventi, quali l'allestimento di un parco giochi nell'area di 600 metri quadri prevista nel cortile interno dei moduli scolastici.

DURATA PROGETTO
Dal 01 febbraio  2017 al 30 giugno 2017

PER DONAZIONI

CAUSALE: per tutte le modalità la causale è: “Cucina mobile"

VERSAMENTI IN POSTA:
C.c.p.: 000002926169 - IBAN postale: IT 76 U 07601 01600 000002926169 intestato a: Organizzazione di volontariato "Mondo in cammino"

VERSAMENTI IN BANCA:
Codice IBAN - IBAN: IT 44 W 05018 01000 000000512770 - Swift Code/BIC (per bonifici dall'estero - for foreign countries): CCRTIT2T84A - Banca Popolare Etica, Via Saluzzo 29, 10025 Torino. Intestato a: Organizzazione di volontariato "Mondo in cammino"

Codice IBAN – IBAN: IT 17 R 08833 30261 000110111496  - BANCA DI CREDITO COOPERATIVO (BCC) DI CASALGRASSO E SANT'ALBANO STURA, Agenzia 11, via Dante 9, 10022 Carmagnola (TO). Intestato a: Organizzazione di volontariato "Mondo in cammino"

CARICAMENTO CARTA POSTEPAY DI MONDO IN CAMMINO:
numero carta: 4176 3106 8168 0883 (codice fiscale: BNFMSM53A09H835M). Dopo la donazione scrivere a info@mondoincammino.org indicando sia la causale che il donatore (la carta postepay non dà nessun riferimento)

DONAZIONI ONLINE CON CARTA DI CREDITO/PAYPAL [CLICCA QUI]

INFO: 366 2089847 - info@mondoincammino.org
www.mondoincammino.org
www.progettohumus.it
www.progettokavkas.it

[Clicca qui e visita il minisito del progetto]

« Ultima modifica: 11 Apr 17, 20:14:33 pm da massimo »