Autore Topic: CARMAGNOLA 29 MARZO 2014: NON TACERE  (Letto 9004 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

massimo

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.012
    • Mostra profilo
    • MONDO in CAMMINO
    • E-mail
CARMAGNOLA 29 MARZO 2014: NON TACERE
« il: 07 Feb 14, 11:47:54 am »

con il patrocinio del Comune di Carmagnola
e di RECOSOL/Rete Comuni Solidali


29 MARZO 2014, Salone Antichi Bastioni
Piazza Antichi Bastioni, Carmagnola – TO [Come raggiungerci]

(10 minuti a piedi dalla stazione FFSS). Struttura diversamente agibile.



CLICCA QUI PER ADERIRE COMPILANDO L’APPOSITO MODULO

(l’adesione è raccomandata per facilitare il lavoro organizzativo dei volontari di Mondo in cammino)


VAI ALL'EVENTO SU FACEBOOK

INTERVISTE, RASSEGNA STAMPA E "DICONO DELL'EVENTO"
20/03/14: Intervista di Massimo Bonfatti al programma "L'agenda di Ursula" su Radio Beckwith Evangelica (dal minuto 19 al minuto 25,45)
20/03/14: Intervista di Massimo Bonfatti a Radio Stonata

PREMESSA: LE RAGIONI DELL'EVENTO
Dal 2010 l’organizzazione di volontariato Mondo in cammino ha affiancato ai propri progetti una forte campagna di sensibilizzazione, partendo dall’idea e dalla convinzione che “non esiste solidarietà senza rispetto dei diritti umani”. La campagna si chiama “Dar voce alle voci”.
Nei precedenti eventi sono stati invitati: Yuri Bandazhevsky, Akhmed Gisaev, Shakhman Akbulatov, Oksana Chelysheva, Vera Polytkovskaya, don Albino Bizzotto, Angelo Baracca, Lisa Clark, Arkady Babchenko, Dmitry Florin, Ella Kesaeva, Chris Busby, Alexander Cherkasov, Don Paolo Farinella. Giorgio Fornoni, Pierpaolo Mittica, Ferdinando Maddaloni, Livio Senigalliesi, Elena Dundovich, Anna Zafesova, Carlo Spera, Leonardo Coen, Gabriele Nissim, Ernesto Burgio, Giulio Cavalli, Ottavia Piccolo, Egidia Beretta, Svetlana Gannushkina, Yukari Saito, Filippo Molinari, Ibyka Amizero.
In questi eventi è sempre stato dato spazio alle testimonianze, partendo dagli argomenti più cari a Mondo in cammino (nucleare, riconciliazione e diritti umani) fino ad arrivare ad una visione più generale e coinvolgente.
L’evento del 29 marzo 2014 si intitola “Non tacere”, ed è dedicato nel ventennale del loro assassinio,  a Ilaria Alpi e Miran Hrovatin
Contro il tacere come omertà omertà silenziosa e colpevole di chi in tutti questi anni ha coperto ostacolato la ricerca della verità sull’esecuzione di Ilari e Miran come su tutte le stragi che hanno insanguinato il nostro Paese.
Contro il tacere che ha molto a che fare col “non mi riguarda” che anche molti delle istituzioni dello Stato hanno mostrato e mostrano nella loro attività quotidiana.
Contro il tacere che ha costruito “muri di gomma” piste false, false prove.
Contro il tacere e la disinformazione della lobby nucleare
Non tacere deve diventare un urlo, vogliamo che diventi un urlo fino a che tutte le verità vengano a galla.

E’ ora il tempo di non tacere e di urlare più forte.
Per ogni cosa c’è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo.
C’è un tempo per nascere e un tempo per morire…
Un tempo per stracciare e un tempo per cucire,
un tempo per tacere e un tempo per parlare
.
(da Ecclesiaste 3)

L’evento del 29 marzo 2014 è un evento che infrange le regole, i modi e le impostazioni tradizionali di conduzione degli eventi; un evento che obbliga ad un approccio culturale diverso forzando gli schemi stagni dei convegni paludati e che spezza il meccanismo degli incontri autoreferenziali o per soli addetti. Una formula che è una sfida, per di più lanciata da un volontariato che trasferisce in sede pubblica l’esperienza del proprio diretto agire sul campo e si confronta con i temi etici e con gli ideali correlati. Ma non solo: che porta anche ad incontrare fisicamente i testimoni e le persone con cui ha viaggiato assieme durante l’operare concreto, rendendole (o restituendole) disponibili alla conoscenza e al dibattito. In definitiva una sfida che non vuole fuggire dalla necessità del confronto, della messa in discussione, della riflessione, ma che, invece e soprattutto per scelta, vuole rifuggire dalla prigionia e dalle ragnatele degli stereotipi e dei preconcetti di uno sterile accademismo o di un impegno umanitario e sociale declinato (per convenienza o per paura del confronto) unicamente  nella sua sfera teorica.

"NON TACERE"
DA ILARIA A YURI, DALLE TESTIMONIANZE DEI VOLONTARI ALL’IMPEGNO DEI REPORTER: CONOSCERE, CERCARE, SVELARE, RACCONTARE…NON TACERE!
con
PINO SCACCIA (il più grande inviato storico della RAI)
MARIANGELA GRITTA GRAINER (presidente dell’Associazione Ilaria Alpi)
ANDREA BERTAGLIO (giornalista ambientalista, esponente Movimento Decrescita Felice)
LUCA SCABBIA (fotoreporter, protagonista di Rotta Nucleare)
PIERPAOLO MITTICA (fotografo umanista, autore di famosi reportage internazionali)
ALESSANDRO TESEI (regista di Fukushame, il Giappone perduto)
YURI BANDAZHEVSKY (lo “scienziato” di Chernobyl, uno dei casi celebri di Amnesty International, possessore del XXV passaporto della libertà della CE)
conduce/modera
MASSIMO BONFATTI (presidente di MONDO IN CAMMINO)
(schede relatori in fondo)

INTERVENTI MUSICALI DI PROGETTO KHORAKHANE'

MOSTRE FOTOGRAFICHE:
- “OMBRE, VISIONI DALLA CITTA’ FANTASMA” di ALAN GARDINI (uno dei più noti Urban Explorer italiani)
- “PROGETTO SMH” di GISELLA MOLINO (la passione della fotografia nelle tematiche sociali)

LA CANTINA SOCIALE DEL CANAVESE DI CUCEGLIO CON IL VINO DI PACE E IMMENSA, IL VINO A SOSTEGNO DELLE MENSE DEI POVERI

LA MOBILITA’ SOSTENIBILE E VERDE DI SONITA, L’AUTO ELETTRICA

LE ECO BIKE DELLA ELETTRO-TECH

IL PUNTO RISTORO DI GLOCANDIA, COMMERCIO EQUOSOLIDALE, BIOLOGICO, ECONOMIA SOSTENIBILE, ECOCOMPATIBILE.

IL BANCHETTO DI MONDO IN CAMMINO


CLICCA QUI PER ADERIRE COMPILANDO L’APPOSITO MODULO

(l’adesione è raccomandata per facilitare il lavoro organizzativo dei volontari di Mondo in cammino)


MODULO DI ADESIONE PER I MASS MEDIA

SI RACCOMANDA PERTANTO A TUTTI I PARTECIPANTI DI ESSERE PRESENTI FIN DALL'INIZIO.

Il Programma:
per impegni degli ospiti/relatori la scaletta del programma potrebbe variare

ore 14,30-15,00: registrazione partecipanti
ore 15,00-16,30: PINO SCACCIA, MARIANGELA GRITTA GRAINER: “Ilaria e Miran: non tacere!”
ore 16,30-16,50: INTERVALLO
ore 16,50-18,35: ANDREA BERTAGLIO, LUCA SCABBIA, PIERPAOLO MITTICA, ALESSANDRO TESEI: "Nell’inferno radioattivo" con la presentazione . in prima assoluta - dell'anteprima del filmato "Al di là degli Urali"
ore 18,35-19,15: YURI BANDAZHEVSKY, MASSIMO BONFATTI: “Il saluto del cittadino di Chernobyl”

Durante e al termine  dell'evento, sarà in funzione lo spazio espostivo equo solidale di Glocandia con  "punto ristoro", in cui sarà possibile rifocillarsi con prodotti alimentari a km.Ø, sia per onnivori che per vegetriani

Come partecipare:
COMPILARE IL MODULO DI ADESIONE O INVIARE UNA MAIL A info@mondoincammino.org

LA PARTECIPAZIONE È LIBERA.

Pernottamento
Convenzione con albergo  3 stelle. Prezzi per pernottamento con prima colazione compresa:
- camera singola: 60 euro
- camera doppia: 75 euro
- camera tripla:   85 euro
Per prenotae inviare una mail a: info@mondoincammino.org

Per Info (organizzazione e logistica):
Telefono: 366 2089847
Email: info@mondoincammino.org

www.mondoincammino.org

I relatori:


PINO SCACCIA. È uno degli inviati storici della Rai. Ha seguito i più importanti avvenimenti degli ultimi trent’anni: dalla prima guerra del Golfo al conflitto serbo croato, dalla disgregazione dell’ex Unione Sovietica fino alla crisi in Afghanistan, oltre al difficile dopoguerra in Iraq (dove è stato l'ultimo compagno di viaggio di Enzo Baldoni, il freelance sequestrato e ucciso nell'agosto del 2004) fino alla rivolta in Libia.. Ha realizzato numerosi reportage in tutto il mondo, emergendo per alcuni "colpi" giornalistici: è stato il primo reporter occidentale ad entrare nella centrale di Chernobyl dopo il disastro, a scoprire per primo i resti di Che Guevara in Bolivia e a mostrare le immagini fino a quel momento segrete dell'Area 51 nel deserto del Nevada, è stato il primo a dare la notizia della liberazione del piccolo Farouk Kassam, rapito in Sardegna nel 1992; è andato a Mogadiscio sulle tracce di Ilaria Alpi, a Mosca nella casa di Anna Politkovskaya. Si è occupato inoltre di cronaca con particolare riferimento a mafia, terrorismo e sequestri di persona oltre a terremoti e disastri naturali (in Pakistan e in Iran per il terremoto e nello Sri Lanka per lo tsunami, fino al terremoto dell'Aquila). Ha vinto, fra gli altri, il premio cronista dell’anno per lo scoop su Farouk Kassam, il Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi per i racconti di guerra, il Premio giornalistico "Città di Salerno" (2005) e il Premio "Più a sud di Tunisi".


MARIANGELA GRITTA GRAINER. Presidente dell'associazione Ilaria Alpi..Ha fatto parte della Commissione bicamerale d’inchiesta che ha indagato sulla cosiddetta “malacooperazione”, ovvero le gravi distorsioni registrate nella utilizzazione degli aiuti che lo Stato italiano aveva destinato ai Paesi in via di sviluppo, innanzitutto quelli africani. Fu quella Commissione ad individuare per prima le strette connessioni esistenti tra l’assassinio di Ilaria Alpi e di Miran Hrovatin ed i traffici illeciti tra l’ Italia e la Somalia, nonché la corruzione politica sulla quale già indagavano i magistrati di “mani pulite”. Quale consulente, Mariangela Gritta Grainer ha partecipato ai lavori della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Ilaria e Miran. Con Luciana e Giorgio Alpi, e col giornalista Maurizio Torrealta, nel 1999 ha scritto il libro L’esecuzione, inchiesta sulla morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. E’ tra gli autori del volume “giornalismi e mafie” 2008, della pubblicazione a fumetti Ilaria Alpi – il prezzo della verità, 2007, del libro Carte false – l’assassinio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Quindici anni senza verità, 2009.


ANDREA BERTAGLIO. giornalista ambientalista, già collaboratore de “Il fatto quotidiano”, ora de “La Stampa”. Laureato in sociologia, ha lavorato nel 2007 in Germania presso il “Centre on Sustainable Consumption and Production”, centro nato dalla collaborazione tra il “Wuppertal Institut per il Clima, l’Ambiente e l’Energia” e l’UNEP, il “Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente”. Dopo anni vissuti in Germania e Gran Bretagna é tornato in Italia, dove da alcuni anni ha incominciato un’intensa attività divulgativa partecipando a seminari, convegni e conferenze in cui si parla di ambiente, sostenibilità e decrescita. Collabora e fa parte del  “Movimento per la Decrescita felice” di cui è stato vicepresidente. E’ co-autore con Maurizio Pallante del libro “Scorie radioattive” e del film documentario "Presi per il PIL" con Stefano Cavallotto e Lorenzo Fioramonti. L’ultimo suo libro é “Generazione decrescente”, con prefazione di Maurizio Pallante.


LUCA SCABBIA.  E’ stato fotografo di punta dell’Agenzia Emblema  e le sue foto sono state pubblicate su importanti riviste e giornali, fra i quali Corriere della Sera, Vanity Fair, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Cosmopolitan, A, L'Espresso, La Repubblica, Il Manifesto. Appassionato di viaggi ha attraversato in moto e in solitaria tutti i paesi dell’Est Europa. E’ stato il protagonista del progetto di Mondo in cammino “Rotta nucleare”: sette paesi in 31 giorni, un viaggio di 13.500 km attraverso i luoghi più radioattivi della terra per documentare da vicino l’eredità nucleare dell’ex Unione Sovietica, in particolare modo Semipalatinsk in Kazakhstan. “Rotta nucleare”, grazie alla revisione letteraria della giornalista freelance Ilaria Lonigro e con l’introduzione di Massimo Bonfatti,  è diventato un libro omonimo in cui il reportage di Luca rivive attraverso il racconto dell’esperienza diretta e delle foto. Luca Scabbia è socio di Mondo in cammino. [INFO]


PIERPAOLO MITTICA.  Fotografo umanista di fama internazionale. Nel 1990 consegue il diploma in conservazione, tecnica e storia della fotografia indetto dal CRAF. Studia con Charles – Henri Favrod, Naomi Rosenblum e Walter Rosenblum, suo padre spirituale della fotografia. Ha fotografato in Italia, Cina, Cuba, Vietnam, Bosnia, Kosovo, Serbia, Ucraina, Bielorussia, India, Indonesia, Bangladesh, Giappone. Le sue foto sono state esposte in Europa e Stati Uniti e la mostra “Chernobyl l’eredità nascosta” è stata scelta nel 2006 dal Chernobyl National Museum di Kiev in Ucraina come mostra ufficiale per le celebrazioni del ventennale del disastro. E' relatore in numerose conferenze in Italia, Europa, Stati uniti e Giappone, e le sue foto sono state pubblicate da quotidiani e riviste italiani e stranieri, tra cui l'Espresso, Alias del Manifesto, Vogue Italia, Repubblica, Panorama, Il Sole 24 ore, Photomagazine, Daylight Magazine, Japan Days International, Asahi Shinbum, The Telegraph, The Guardian. Fra i tanti riconoscimenti internazionali ricevuti, annovera il FVG Award 2006, primo premio “WPGA 2011 Annual Pollux Awards” - sezione reportage umanitario 2011, primo premio "NYPH 2012 New York Photo Festival Invitational", Premio Speciale della Giuria "Days Japan International Photojournalism Awards", 2013. Pierpaolo Mittica è socio storico di Mondo in cammino. [INFO]


ALESSANDRO TESEI. Regista poliedrico e provocatorio, consegue il diploma accademico in Arti visive e multimediali a Macerata con la tesi: “Il documentario come partecipazione”. La sua passione è la documentaristica a sfondo sociale Ottiene il primo riconoscimento nel 2006 vincendo il Premio della Giuria all’ I-Mode Visions Festival di Macerata con il cortometraggio “Ceci n’est pas Theatre” ispirato alla poetica di Samuel Beckett. Segue nel 2007 il documentario lungometraggio di denuncia “Vota Re Piccione” sarcastico e cinico resoconto dei problemi in cui versa una  cittadina di 40.000 abitanti.  Da quel momento per diversi anni spazia tra teatro, fotografia, arte concettuale, scultura, ecc…Nel 2012 firma il documentario “FUKUSHAME”, che tratta dell’incidente nucleare di Fukushima e col quale vince una menzione speciale al Festival del Cinema Verde in Florida. Nel 2013 si reca con Pierpaolo Mittica, sotto le insegne di Mondo in cammino, a Mayak per la realizzazione di un documentario su uno dei luoghi più contaminati del pianeta. Ha in progetto, con Mondo in cammino, la realizzazione di un documentario sulla storia delle persone che afferiscono alla mensa dei poveri dei frati francescani a Torino. E’ socio di Mondo in cammino. [INFO]


YURI BANDAZHEVSKY. Rettore, dal 1990 al 1999, dell’istituto medico di Gomel (Bielorussia). Membro di numerose Accademie nazionali ed internazionali, riceve, per le sue ricerche in ambito medico ed anatomo-patologico, diversi riconoscimenti, fra cui la medaglia d’oro Albert Swaitzer e la Stella d’oro dell’Accademia di Medicina della Polonia. E’ autore di oltre 240 lavori di ricerca. In base alle sue ricerche scientifiche, denuncia le conseguenze di Chernobyl sulla popolazione e per questo viene condannato da un tribunale militare a 8 anni di lavori forzati. Un vasto movimento di opinione internazionale interviene a suo sostegno ed Amnesty International ne riconosce lo status di "prigioniero di coscienza".  Nel 2001 ottiene il passaporto della libertà dalla Comunità Europea. In seguito alla mobilitazione diplomatica di diversi Paesi della CEE viene liberato il 15 agosto 2005, dopo 6 anni e 1 mese. Vive in esilio a Kiev, in Ucraina. E’ considerato uno dei massimi esperti internazionali sugli effetti della incorporazione da radionuclidi e gli viene attribuita dalla comunità scientifica la scoperta della patologia denominata “miocardiopatia da cesio 137”.  Mondo in cammino, grazie al rapporto di amicizia dello scienziato con il presidente, ha pubblicato – per i tipi della Carlo Spera Editore – il libro “Il Cesio radioattivo e la riproduzione umana” e il DVD “Io, cittadino di Chernobyl”. [INFO]


MASSIMO BONFATTI. Impegnato da decenni in campo sociale, alterna la sua attività lavorativa con quella in ambito volontaristico. Giornalista pubblicista, diplomato in lingua russa ed esperto di tematiche dell’Europa Centro Orientale e dello spazio post sovietico, ha fondato nel 2005 l’Organizzazione di volontariato per la solidarietà “Mondo in cammino”, ideando e lanciando le più importanti attività associative. E’ autore del libro: “Il naso lungo di Chernobyl”.

La musica:


PROGETTO KHORAKHANE'. Gruppo di musicisti uniti dalla passione per la musica e la poesia di F. De André. Patrocinati dalla "Fondazione F.D.A." presieduta da Dori Ghezzi, vincono nel 2006 il “Bologna Music Festival”. Nel 2010 dà il via al progetto “Mia compagna di viaggio… dedicato a Mia Martini”. Si esibiranno Erika Santoru e Alberto Chiera. Erika insegna canto a Milano presso il C.P.M. diretto da F. Mussida. Ha duettato con Ron, Morandi, Belli, Dolcenera, Guerzoni, Vallesi e collaborato con A.Radius. Alberto, pianista d'impronta classica (conservatorio “Verdi”, Cuneo) e fisarmonicista, si è perfezionato con il prof. L. Martina, già accompagnatore di Paolo Conte. [INFO]

E ancora:


ALAN GARDINI. Dopo una formazione classica, frequenta la scuola di Fotografia Ikonos a Bologna, in seguito ottiene il Master in direzione della fotografia nel cinema all’Università di Bologna e quello di fotogiornalismo presso la John Kaverdash School di Milano. E’ uno dei più noti Urban Explorer italiani. Tra i progetti, quelli sulle città fantasma di Pripyat, vicino a Chernobyl, e Moynaq, città uzbeca in abbandono dopo il prosciugamento del lago di Aral. [INFO]


GISELLA MOLINO. Di professione educatrice, nella vita si occupa di minori e di problematiche sociali. Accanita viaggiatrice, ha studiato fotografia da PH Libero a Torino, sperimentando vari generi, dall’architettura allo street, con una predilezione per il reportage sociale, che le permette di unire la fotografia al viaggio. Gisella racconta storie con  immagini e per questo privilegia problematiche sociali, cause umanitarie e  minoranze etniche. [INFO]


SONITA. La rivoluzione italiana nella progettazione dell’auto elettrica. SONITA un veicolo leggero, sicuro, robusto, ecosostenibile, poco costoso e longevo. Il progetto rivoluzionario di un veicolo elettrico tutto italiano (SONITA é l'acronimo di "SONO ITALIANO"). Non inquinante fin dalla fase costruttiva, SONITA assembla materiali ottenuti dal mondo vegetale e adotta processi di compenso in caso di produzione di CO2  passiva. Allo studio una rete distributiva di energia elettrica, con eco colonnine, rispettosa del protocollo Kyoto 2. [INFO]


CANTINA SOCIALE DEL CANAVESE. Nata a Cuceglio (piccolo comune ai confini fra Torino ed Ivrea) nel 1960 da un ristretto gruppo di 12 viticoltori che resistono alla tentazione di lasciare la loro terra a favore dell’industria. Nel 1962 nasce lo stabilimento vinicolo in cui convogliare l’uva e oggi la cooperativa conta più di 200 soci provenienti da tutto il Canavese. Da 6 anni collabora con Mondo in cammino per cui ha messo ha disposizione la produzione di Canavese Rosso e di Erbaluce per la realizzazione del “Vino di pace” e di “Immensa”, il vino per le mense dei poveri. [INFO]


GLOCANDIA. Glocandia è una cooperativa che gestisce, a Torino, una bottega etica (commercio equo e solidale, GAS, filiera corta, Kilometro zero, ecc.) e che fonda il suo impegno nella ricerca di modelli di alimentazione e consumo sani, rispettosi dell’ambiente e della società.  Il motto di Glocandia è: “Dobbiamo essere il cambiamento che desideriamo vedere nel mondo” (Mahatma Gandhi). [INFO]


ELETTRO-TECH. L'Elettro-Tech nasce nel 1988 a Carmagnola con l'intento di unire l'elettronica alla tecnologia. Il progetto EcoBike, uno dei sogni dell'Elettro-Tech diventati realtà, mira a creare  una nuova e tangibile consapevolezza su temi quali risparmio energetico, costi di produzione ed impatto ambientale. [INFO]


CLICCA QUI PER ADERIRE COMPILANDO L’APPOSITO MODULO

(l’adesione è raccomandata per facilitare il lavoro organizzativo dei volontari di Mondo in cammino)


MODULO DI ADESIONE PER I MASS MEDIA



VAI ALL'EVENTO SU FACEBOOK


Nel corso dell'evento:
Presentazione della nuova produzione del "Vino di pace" e "Immensa" a sostegno dei progetti di Mondo in cammino



Clicca l'immagine sottostante, scarica e diffondi la locandina dell'evento:
« Ultima modifica: 16 Ott 16, 00:54:34 am da massimo »