Autore Topic: 10/02/12 La zona di alienazione di Chernobyl presto riutilizzata  (Letto 2016 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Administrator

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.472
    • Mostra profilo
    • MONDO in CAMMINO
    • E-mail
La zona di alienazione di Chernobyl presto riutilizzata
Traduzione di ProgettoHumus da http://pellets-wood.com

La zona di alienazione di Chernobyl copre una superficie di 30 Km intorno alla centrale nucleare. Oltre 260 mila ettari di questo terreno non sono mai più stati utilizzati per oltre 20 anni.
Oggi, gli esperti dell’Agenzia Europea per l’Energia propongono di utilizzare quest’area per la coltivazione di colture che in seguito possono essere utilizzate come biomassa per la combustione.

Secondo le stime preliminari, piantare colture “energetiche” richiederà l’utilizzo di fino al 50% della zona di alienazione. Sarà coltivato essenzialmente miglio di cui verrà utilizzato il gambo che sarà separato e successivamente sottoposto a trattamenti per la successiva trasformazione.

La realizzazione di questo progetto porterà a raddoppiare la produzione di biomassa da fonti rinnovabili in Ucraina.

Esiste già un progetto per il recupero delle aree intorno alla zona di alienazione di Chernobyl. La società Quasar si è offerta di costruire una centrale elettrica sulla base di pannelli solari distribuiti su 200 ettari di terreno. Il costo totale dell’impianto da 80MW si aggirerebbe intorno ai 250 milioni di Euro.