LA CONTAMINAZIONE DI CHERNOBYL STATO PER STATO
English full version on www.davistowmuseum.org

S - U
CLICCA LO STATO DESIDERATO

Scozia (Scotland)
Spagna (Spain)
Svezia (Sweden)
Svizzera (Switzerland)
Turchia (Turkey)
Gran Bretagna e Irlanda (United Kingdom and Ireland)
Ex Yugoslavia
Stati Uniti (U.S.A.)

Scozia

Clicca qui e visualizza le Mappe, le liste e le tabelle della contaminazione in Scozia (fonte: Scottish Office - Edimburgh UK)

Fonte: Martin C.J., Heaton B. e Robb J.D. (1988). Studio di I131, Cs137 e Ru103 nel latte, nella carne e nei vegetali nel Nord Est della Scozia dopo l'incidente di Chernobyl.
Una pesante tempesta di pioggia si è abbattuta sulla Scozia tra le 21.00 e le 23.00 del 3 maggio 1986; questa conteneva una concentrazione di nuclidi (Te132, I132, I131, Ru103, Cs137, Cs134, Ba140 e La140) pari a 7.000 Bq/l corrispondente a livelli di attività di 41.000 Bq/m2.

Fonte:
Martin C.J. e Heaton B. (1989). L'impatto di Chernobyl sull'ambiente marino del Nord della Scozia.
I tempi di dimezzamento biologico dei radionuclidi di Cs, Ru e Ag del Fucus Vesiculosis furono rispettivamente di 57,80 e 210 giorni
Nel giugno del 1986 i livelli di radionuclidi nella schiuma di mare erano più di mille volte superiori a quelli contenuti nell'acqua marina.
Il Cesio migrò rapidamente nei sedimenti; il Rutenio e l'Argento radioattivo si depositarono nella schiuma


Fonte:
Scottish Development Department. (1988). L'incidente di Chernobyl, monitoraggio della radioattività in Scozia.
Tabella dettagliata della contaminazione radioattiva derivata da Chernobyl in tutte le regioni della Scozia con l'aumento del radiocesio nei montoni (periodo estivo).

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
6 Maggio 1986 Strathelyde Deposizione sul terreno Gross beta 88.425 Bq/m2
11 Maggio 1986 Galloway Latte evaporato Cs134,137 689 Bq/Kg
12 Maggio 1986 Highland Latte di capre I131 1.460 Bq/l
3 Giugno 1986 Strathelyde Gallina I131 23.330 Bq/Kg
3 Giugno 1986 Strathelyde Gallina Cs134,137 6.600 Bq/Kg
Luglio 1986 Borders Montone Cs134,137 4.218 Bq/Kg

Fonte: Watson W.S. (1986). Livelli di Cs134,137 negli uomini in Scozia dopo Chernobyl
La principale attività riscontrata in 18 adulti fu: 172 Bq per il Cs134, 363 Bq per il Cs137, 4.430 Bq per il K40. Furono riscontrati picchi di concentrazione di 285 Bq per il Cs134 e di 663 Bq per il Cs137.

Spagna

Fonte: Baeza A., Del Rio M., Miro C., Moreno A., Navarro E., Paniagua J.M. e Peris M.A. (1991). Livelli Radiocesio e radiostronzio nei Tordi Sassello (Turdus philomelos) catturati in due regioni della Spagna.
Picchi di concentrazione rilevati in un gruppo di 14 Tordi Sassello catturati a Valencia: quantità di Cs137 pari a 208 Bq/Kg (peso secco).

Svezia

Clicca qui e visualizza la MAPPA1 e la MAPPA2 della contaminazione nel Nord Europa e le mappe della SVEZIA

Fonte: Ahman B. e Ahman G. (1994). Radiocesio nelle renne svedesi dopo il fallout di Chernobyl: variazioni stagionali e declino a lungo termine.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
1986-1987 Vilhelmina Sodra Deposizione sul terreno Cs137 80.000 Bq/m2
1986-1987 Vilhelmina Sodra Carne di renna, circa 29 campioni Cs137 44.800 Bq/kg

La concentrazione di Cs137 nelle renne durante l'inverno risultò circa 20 volte superiore rispetto a quella negli esemplari esaminati durante l'estate.
Il livello di concentrazione del Cs137 nelle renne era ragionevolmente buono se correlato a quello della deposizione sul terreno. Il rapporto fra il Cs137 contenuto nelle renne (kBq kg-1 peso bagnato) e nella deposizione sul terreno (kBq m-2) fu calcolato essere di 0.76 m2kg-1 per il periodo invernale e da Gennaio ad Aprile del 1987
.

Fonte: Carbol P., Ittner T. e Skalberg M. (1988). Deposizione dei radionuclidi e migrazione del fallout di Chernobyl in Svezia.
L'attività di superficie del Cs137 variò tra i 14 e i 300.000 Bq (300 kBq) per metro quadro in sette punti di campionamento. Due differenti forme di rutenio furono individuate, una insolubile nelle zone calde e una forma trasportata dall'acqua.

Fonte:
Carlson L. e Holm, E. (1992). Radioattività nel Fucus vesiculosis del Mar Baltico dopo l'incidente di Chernobyl.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Luglio 1986 Mar Baltico Fucus vesiculosis Pu239,240 268 mBq/kg peso secco
Luglio 1986 Mar Baltico Fucus vesiculosis Cs137 600 mBq/kg peso secco
Luglio 1986 Mar Baltico Fucus vesiculosis Tc99 108 Bq/kg peso secco

Nell'Agosto-Settembre del 1987 l'attività di concentrazione del livello di radiocesio aumentò di un fattore pari a 2-3 nella maggior parte delle località lontane dal litorale svedese. In queste zone non ci fu aumento di plutonio o americio fra il 1986 e il 1987.
In un altro articolo (SSI Project P 393-86 Università di Lund, Svezia) Carlson e Holm scoprirono che il Fucus Vesiculosis accumulava preferibilmente i radionuclidi nel seguente ordine:
technicium >>> americio >>> Plutonio >>> cesio.

Fonte:
Dahl C. e Grimas U. (1987). Rapporti di radionuclidi in Aedes communis pupae della Svezia Centrale.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
18 Maggio 1986 Svezia centrale larve degli insetti acquatici I131 5.000 Bq/kg peso secco
1986 Svezia centrale larve degli insetti acquatici Ru103 1.060 Bq/kg p.s.
4 Maggio 1986 Svezia centrale Diatomee I131 31.000 Bq/kg p.s.
1986 Svezia centrale Diatomee Ru103 6.400 Bq/kg p.s.


Fonte:
Danell K., Nelin P. e Wickman G. (1989). Cesio137 nelle alci del Nord della Svezia: primo anno dopo l'incidente di Chernobyl.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Aprile 1986 Svezia Deposizione sul terreno Cs137 60.000 Bq/m2
Aprile 1986 Svezia Carne di alce Cs137 665 Bq/kg (principale)

La concentrazione di Cesio nei muscoli delle alci andò di pari passo con quella presente nel terreno. Un analisi di 3.661 alci ha rilevato valori medi di radioattività di 470 Bq/kg (peso fresco) negli esemplari appena nati e di 300 Bq/kg per i soggetti anziani. Il livello medio prima dell'incidente era di 33 Bq/kg.

Fonte:
Devell L., Aarkrog A., Blomquist L, Magnusson S. e Tveten U. (1986). Come il fallout di Chernobyl venne individuato e misurato nei paesi nordici.
"L'effetto reale sull'agricoltura è sembrato all'inizio molto modesto...".
Le concentrazioni massime in Norvegia e Svezia sono state notate, in alcune località, al di sopra dei 100.000 Bq/m2.


Fonte:
Devell L., Tovedal H., Bergstrom U., Appelgren A., Chyssler J. and AnderssonL. (1986). Osservazioni iniziali del fallout radioattivo dall'incidente di Chernobyl.
E' stata individuata una particella calda di rutenio quasi puro, (diametro ~ 1µm); Ru103: 10.000 Bq; Ru106: 2.800 Bq; Cr51: 1.700 Bq; Mo99, Mtc99: 1.600 Bq.

Fonte: Erlandsson B. e Mattsson S. (1988). Assorbimento del deposito secco di radionuclidi nel Fucus- uno studio diretto dopo l'incidente di Chernobyl.
In una zona  di deposizione molto bassa (11,6 Bq/m2) il rapporto dell'attività di concentrazione di Cesio137 (m2/kg) del Fucus variò da 0,66 a 1,3, dove il fallout fu soprattutto una deposizione secca, larga e non specificatamente composta da particelle solubili.

Fonte:
Finck Robert. (August 1996).
Visualizza le misurazioni locali di radiazione gamma in Svezia dopo sette anni di attività. Nordic Society for Radiation Protection. Swedish Radiation Protection Institute, Stockholm, Sweden.

Fonte: Fox B. (1988). I minerali porosi assorbono il fallout di Chernobyl.
"Bollendo la carne contaminata della renna (15.000 Bq/kg) in 1/2 litro di acqua contenente 10 grammi di mordenite la contaminazione è scesa a 1.200 Bq/kg."

Fonte:
Hakanson L., Andersson T. e Nilsson A. Cesio radioattivo nel pesce dei laghi svedesi dal 1986 al 1988. Relazione generale del fallout e caratteristiche dei laghi.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
1986 Svezia pesce persico Cs134,137 3.585 (principale) Bq/Kg peso bagnato
1988 Svezia pesce persico Cs 134,137 6.042 (principale) Bq/kg peso bagnato

"Dal registro contenente dati di 644 laghi svedesi: La concentrazione media di Cs137 nei pesci aumentò tra il 1986 e il 1987 dal 13% (trota) al 240% (luccio).
L'incremento verificatosi fra il 1987 e il 1988 si è fermato per molte specie, ma non per il luccio dove la concentrazione, al centro del lago, aumentò dell'82%.
Durante l'autunno del 1987 circa 14.000 laghi in Svezia avevano pesce (per 100g. di pesce persico) con una concentrazione di Cs137 superiore a 1.500 Bq/kg (peso bagnato).

Fonte:
Hardy E., Krey P., Klusek C., Miller K., Helfer I., Sanderson C. e Rivera W. (1986). Osservazioni e campionatura del laboratorio ambientale svedese di misurazioni. Progetti correlati all'incidente nucleare di Chernobyl.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno Zr95 14.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno Nb95 14.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno Ru103 7.800 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno I131 890.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno Te132, I132 260.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno Cs134 150.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno Cs136 44.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno Cs137 240.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno Ba140 180.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno La140 210.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione sul terreno Ce141 10.000 Bq/m2

Prima dell'incidente di Chernobyl, il deposito di Cs137 a Skutskar fu valutato essere di 1.500 Bq. La radiazione di bassa priorità è qui aumentata fino ai 900 µRh-1; a Stoccolma fu di 30 µRh-1.

Fonte:
Holmberg M., Edvarson K. e Finck R. (1988). Dosi di radiazioni in Svezia derivate dal fallout di Chernobyl.
La media di deposizione sul terreno per tutto il paese fu di circa 3.000 Bq/m2 di Cs134 e di 5.000 Bq/m2 di Cs137. L'accumulo della deposizione di Cesio da armi nucleari dal 1955 al 1980 fu di circa 4.000 Bq/m2 per il Cs137 (Il Cs134 era presente in piccole quantità). Usando un fattore di rischio di 0,02 cancri mortali, secondo il modello di Sievert, si può affermare che il fallout radioattivo di Chernobyl potrebbe aver causato dai 100 ai 200 cancri mortali.

Fonte: J
ohanson K.J., Bergstrom R., Eriksson O. e Erixon A. (1994). Attività di concentrazione del Cs137 nelle alci e nelle loro piante foraggere nella Svezia centrale.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione nel suolo bagnato I131 2.139.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione nel suolo bagnato Te132 2.094.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione nel suolo bagnato Cs137 289.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione nel suolo bagnato Ba140 362.000 Bq/m2
1989 Kramfors Erica-macchiaiola Cs134,137 15.129 Bq/kg peso secco
1989 Kramfors ninfea CS134,137 14.745 Bq/kg peso secco

La principale attività della concentrazione di Cs137, nei muscoli di alci esaminate provenienti da 3 aree con valori di deposizione sul terreno dai 20 ai 60 KBq m2, variò dai 540 ai 915 Bq kg (N=1.119 alci).

Fonte: Kresten P. e Chyssler J. (1989). Il fallout di Chernobyl: Deposizione sulla superficie del suolo in Svezia.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
1 Maggio 1986 Skatan Superficie del suolo Cs137 200.000 Bq/kg
1 Maggio 1986 Skatan Superficie del suolo Cs134 117.000 Bq/kg
1 Maggio 1986 Skatan Superficie del suolo La140 80.000 Bq/kg
1 Maggio 1986 Skatan Superficie del suolo I131 669.000 Bq/kg
1 Maggio 1986 Skatan Superficie del suolo Ru103 51.200 Bq/kg

Le zone di deposizione bagnata sul terreno hanno mostrato i più alti livelli di fallout radioattivo.
"I componenti del fallout hanno mostrato delle grandi variazioni...Il Cs137 si è concentrato nelle zone del litorale di Norrlan del Sud, lo I131 sia nord che a Sud con la zona centrale di Uppland caratterizzata dalla presenza di Te132..."


Fonte:
Krey P.W., Klusek C.S., Sanderson C., Miller K. e Helfer I. (1986). Descrizione radiochimica del fallout di Chernobyl in Europa.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione nel suolo bagnato I131 2.139.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione nel suolo bagnato Te132 2.094.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione nel suolo bagnato Cs137 289.000 Bq/m2
5 Maggio 1986 Skutskar Deposizione nel suolo bagnato Ba140 362.000 Bq/m2


Fonte:
Mattson S. e Vesanen R. (1988). Modelli del fallout di Chernobyl rispetto alle condizioni atmosferiche locali.
Il 99% dei radionuclidi derivati da Chernobyl si sono depositati in una singola precipitazione piovosa avvenuta l'8 maggio del 1986, il restante 1% era rappresentato dal deposito a secco.

Fonte: Mellander H. (1987). Prime misurazioni del fallout di Chernobyl in Svezia.
La più alta concentrazione di Cs137 nell'aria si ebbe il 28 Aprile del 1986 con valore pari a 1,7 Bq il metro cubo. La più alta concentrazione da fallout derivato da armi nucleari si ebbe nel 1959: 6,7 mBq per metro cubo.

Fonte: Nelin
P. (1995). Assorbimento di radiocesio nelle alci in relazione agli spazi e alla composizione dell'habitat.
Nel 1991 i livelli di concentazione media di Cs137 nelle alci (gamma: 105-1.060 Bq/kg peso fresco) analizzate in 8 ambienti, non ha mostrato alcuna correlazione significativa con la deposizione al suolo del periodo estivo, mentre un campione di 119 alci provenienti da un'area più ampia della Svezia ha mostrato soltanto una correlazione parziale.

Fonte:
Persson C., Henning R. e De Geer L.E. (1987). L'incidente di Chernobyl: analisi meteorologica di come i radionuclidi si sono depositati in Svezia.
La deposizione principale di Cesio si è presentata bagnata, quella di Zr95 e Np239 in maniera secca.


Fonte:
Petersen R.C., Landner L. e Blanck H. (1986). Valutazione dell'effetto dell'incidente del reattore di Chernobyl sul biota dei flussi e dei laghi svedesi.
L'attività totale radioisotopica nelle alghe del lago fu di 296.000 Bq/kg: 2.000 Bq erano naturali (40K), la maggior parte dell'attività restante era formata dai derivati di Chernobyl quali Cs134,137; Ru103,106; Ba140; Nb95 e Ag110.

Fonte:
Reizenstein P. (1987). Carcinogenicità delle dosi di radiazione causate dal fallout di Chernobyl e prevenzioni di possibili tumori.
Il livello di radiazione gamma esterna in Svezia fu di 2-500 µRh-1, al di sopra dei precedenti valori di 10-15 µRh-1 con valori di picco pari a 1.000 µRh-1.
La deposizione di I131 fu di 170.000 Bq/m2; l'attività iniziale in acqua piovana pura fu di  500.000 Bq/l; nel latte crudo di 2.900 Bq/l.


Fonte: Rosen K., Andersson I. e Lonsjo H. (1995). Trasferimento del radiocesio dal terreno alla vegetazione e nei pascoli di montagna del Nord della Svezia.
L'analisi dell'attività in campioni di suolo ha mostrato una deposizione media di Cs137 di 15,7 (gamma 14,1-17,6) kBq/m2.

La concentrazione media di Cs137 nell'erba tagliata proveniente da varie zone, è diminuita con il tempo da 1.175 a 900 Bq/kg (peso secco).

La concentrazione media di Cs137 nel muscolo della parete dell'addome delle carcasse di agnello fu rispettivamente di 1.087, 668, 513 e 597 Bq/kg (peso bagnato) negli anni dal 1990 e 1993.

Tutte le carcasse hanno ecceduto il livello di Cs137 (300 Bq/kg) stabilito in Svezia e così sono state scartate dal consumo alimentare umano.

Fonte: Snoeijs P. e Notter M. (1992). Diatomee bentoniche come monitoraggio degli organismi per i radionuclidi presenti in un ambiente litoraneo con 'acqua salmastra.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
6 Maggio 1986 Mar Baltico settentrionale Diatomee Ba140 439.000 Bq/kg peso secco
6 Maggio 1986 Laguna salmastra Diatomee Ru103 540.000 Bq/kg peso secco
6 Maggio 1986 Laguna salmastra Diatomee Ce144 612.000 Bq/kg peso secco
6 Maggio 1986 Laguna salmastra Diatomee Ce141 825.000 Bq/kg peso secco
6 Maggio 1986 Laguna salmastra Diatomee Zr95 864.000 Bq/kg peso secco
6 Maggio 1986 Laguna salmastra Diatomee Nb95 1.022.000 Bq/kg peso secco

Svizzera

Fonte: Baltensperger U., Gaggeler H.W. e Jost D.T. (1987). Radioattività di Chernobyl in sezioni frazionate di aerosol.
I livelli più alti di I131 furono trovati in frazioni di formato più piccolo rispetto a quelle per i radionuclid di Cs137, Te132 e Ru103. Fu anche notato Cm242 con particelle calde contenenti Zr95, Nb 95 e Ce144. (prego prendere visione delle citazioni supplementari sulle "hot particles" nella sezione di RADNET)

Fonte:
Haeberli W. e Schotterer U. (1988). Il segno dell'incidente di Chernobyl nelle regioni con più altitudine delle alpi svizzere.
La deposizione di Cs137 superiore ai 43.000 Bq/m2 fu notata nel SudOvest della Svizzera.

Fonte:
Jost D.T., Gaggeler H.W., Baltensperger U., Zinder B. e Haller P. (1986). Fallout di Chernobyl nel formato frazionato di aerosol.
La concentrazione ambientale massima nell'aria è avvenuta il primo maggio del 1986 con picchi a 2 Bq il metro cubo per il Cs137 (2.000.000 µBq/m3), la metà di quella rilevata a Studsvik in Svezia.

Lo I131 fu presente principalmente in fase gassosa.... Il Cs137, Te131 e Ru103 vennero espulsi sotto forma di particelle o fissati molto presto agli aerosol e si svilupparono, mediante il trasporto, con la coagulazione con altre particelle.

Fonte: Swiss Nuclear Safety Inspectorate. (1987). Incidente nucleare di Chernobyl: Situazione radiologica in Svizzera e corrispondenze.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Maggio 1986 Svizzera Latte I131 2.000 Bq/kg
Maggio 1986 Svizzera Latte di capra I131 10.000 Bq/kg
Maggio 1986 Svizzera Latte Cs137 650 Bq/kg
Maggio 1986 Svizzera Montone Cs137 4.000 Bq/kg
Maggio 1986 Svizzera Deposizione sul terreno Cs137 26.000 Bq/m2

Fonte: Tobler L., Bajo S. e Wyttenback A. (1988). Deposizione di Cs134,137 dal fallout di Chernobyl sugli abeti rossi di Norvegia, sul suolo della foresta e successiva incorporazione nei rami.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Maggio 1986 Svizzera Deposizione sul terreno da Chernobyl Cs134,137 6.200 Bq/m2
1950-1985 Svizzera Fallout da armi nucleari Cs134,137 2.600 Bq/m2

Il Cs137 sulla superficie degli aghi di pino è risultato insolubile in acqua...l'attività nei rami è stata la metà di quella nel terreno.

Turchia

Fonte: Gedikoglu A. e Sipahi B.L. (1989). Radioattività di Chernobyl nel Tè Turco.
Il 90% dell'attività misurata fu dovuta al Cs134,137; la gamma di attività nel tè secco fu di 1.064 Bq/kg-44.000 Bq/kg (1.196.800 pCi/kg). Il rapporto del trasferimento di attività al tè fermentato fu valutato al 65%.

Nessuno dei campioni di tè era sotto il livello di azione dell'USFDA (ndr: organo di controllo) per le derrate alimentari.

L'impatto di Chernobyl si protese verso vaste aree della Turchia, Iran, Iran e Afghanistan: qui milioni di persone non vennero a conoscenza dei rischi reali dell'incidente perchè impossibilitate ad accedere ai dati radiologici di controllo.

Fonte:
Unlu M.Y. Topcuoglu S., Kucukcezzar R., Varinlioglu A., Gungor N., Bulut A.M. e Gungor E. (1995).

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Maggio 1986 Turchia Foglie di tè Cs137 25.000 Bq/kg

Gran Bretagna e Irlanda

Visualizza la MAPPA1 e la MAPPA2 del fallout di Chernobyl nel Regno Unito.

Fonte: Cambray R.S., Cawse P.A., Garland J.A., Gibson J.A.B., Johnson P., Lewis G.N.J., Newton D., Salmon L. e Wade B.O. (1987). Osservazioni della radioattività dall'incidente di Chernobyl.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
1/6 Maggio 1986 Lerwick, Shetland Deposione sul terreno I131 26.000 Bq/m2
1/6 Maggio 1986 Holmrook, Cumbria Deposione sul terreno I131 41.000 Bq/m2

Le concentrazioni massime del livello di Cs137 furono sono solo di 10.000 Bq/m2, anche a Holmrook, Cumbria nei rapporti successivi sono stati rilevati quantitativi sempre meno significanti.

Fonte: Camplin W.C., Leonard D.R.P., Tipple J.R. e Duckett L. (1989). Radioattività nei sistemi di acqua dolce in Cumbria (UK) a seguito dell'incidente di Chernobyl - Radioattività nelle acque delle isole britanniche - Controllo della precipitazione radioattiva dall'incidente di Chernobyl.
Questo rapporto mostra soltanto una piccola luce sulla radioattività di Chernobyl nelle acque di superficie e costiere; molti prodotti di fissione Chernobyl-derivati si sono depositati nei sedimenti, ma i dati concernenti la contaminazione in altri elementi sono limitati dal numero di campioni prelevati e dal fatto che la radioattività non ha avuto abbastanza tempo di bioaccumularsi in quantità significativa negli organismi-sentinella.
La concentazione pre-Chernobyl di Cs137 (Bq/kg peso bagnato) venne notata nei merluzzi: 52 Bq/kg; nel gambero (42 Bq/kg), nelle chiocciole di mare (80 Bq/kg), nei cardi (22 Bq/kg); mitili (13 Bq/kg) ed in acqua dolce nella trota marrone (339 Bq/kg).

Fonte: Clark M.J. (1986). Il fallout da Chernobyl.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
1986 Regno Unito Latte I131 500 Bq/l
1986 Regno Unito Latte Cs137 500 Bq/l
1986 Regno Unito Erba I131 15.000 Bq/m2
1986 Regno Unito Erba Cs137 10.000 Bq/m2


Fonte:
Clark M.J. e Smith F.B. (1988). Deposizione bagnata e secca del fallout di Chernobyl.
Il Cesio137 era presente nell'atmosfera principalmente in forma polverizzata insieme ai meccanismi umidi, presenti in quantitità dominante... lo I131 era presente come particella e in materiale di fase del vapore...entrambi i meccanismi secchi e umidi di deposito furono di importanza rilevante.


Fonte: Fry F.A., Clarke R.H. e O'Riordan M.C. (1986). Prime stime delle dosi di radiazioni nel Regno Unito dal reattore di Chernobyl.
"...meccanismi di esposizione umana alla contaminazione di Chernobyl; in sequenza: Irradiazione esterna dalla nube passante; inalazione di materiale radioattivo nella nube; contaminazione del raggio beta della pella; irradiazione esterna da materiale depositato sul terreno; ingestione degli alimenti contaminati."


Fonte:
Fulker M.J. (1987). Aspetti di controllo ambientale monitorati dal British Nuclear Fuels plc a seguito dell'incidente del reattore di Chernobyl.
Il Cs137 ha misurato 15.000 Bq/m2 di cui 7.400 Bq/m2 furono attribuiti al fallout di Chernobyl.

Fonte:
Hamilton E.I., Zou B. e Clifton R.J. (1986). L'incidente di Chernobyl-Il fallout dei radionuclidi nel SudOvest dell'Inghilterra.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
8 Maggio 1986 Sud Ovest Inghilterra Lichene I131 1.260 Bq/kg
7 Giugno 1986 Sud Ovest Inghilterra Lichene Cs137 260 Bq/kg

Il Sud Ovest dell'Inghilterra ha ricevuto livelli bassi di precipitazione radioattiva da Chernobyl.

Fonte: Her Majesty's Stationery Office (1986). Livelli di radioattività nel Regno Unito dall'incidente di Chernobyl il 26 Aprile 1986: Una compilantion dei risultati di misurazioni ambientali nel Regno Unito.
In questo rapporto iniziale viene grossolanamente sottovalutata la quantità di fallout Chernobyl-derivato ed il relativo effetto radiologico sul Regno Unito. Gran parte dell'enfasi fu sull'analisi della concentrazione radioattiva nell'aria, ma è evidente che solo questo dato è insufficiente per fornire una comprensione completa dell'effetto radiologico di un incidente nucleare quale Chernobyl. Le indagini successive e più complete dei campioni biologici indicarono che l'effetto di Chernobyl fu molto significavo rispetto a quello indicato nel primo rapporto.
Furono fuorvianti specialmente i rapporti iniziali (32 campioni) per le concentrazioni del radionuclide nelle carni che mostravano una concentrazione sostanziale in Cumbria e invece non riuscirono a documentare l'effetto completo dell'incidente di Chernobyl nelle regioni nordiche della Gran Bretagna.
Questo rapporto documenta la notevole contaminazione del latte e dei latticini nel Regno Unito, con particolare riguardo alla Cumbria. Concentrazioni massime di Radiocesio hanno raggiunto livelli di 380 Bq/l. Inoltre è stata notata anche la contaminazione da radioiodio. I dati in questo rapporto illustrarono il fatto che i diversi tipi di precipitazione radioattiva dall'incidente di Chernobyl sono furono altamente disomogenei interessando una zona anzichè un'altra.

Fonte:
Hill C.R., Adam I., Anderson W., Ott R.J. e Sowby F.D. (1986). Iodio131 nelle tiroidi dei britannici dopo Chernobyl.
Attività dello I131 nella zona del collo umano: adulti
8-33 Bq; bambini 2-16 Bq.

Fonte: Howard B.J., Beresford N.A., Mayes R.W. e Lamb C.S. (1993). Transferimento dello I131 nel latte delle pecore dalla vegetazione contaminata dal fallout di Chernobyl.
La proporzione quotidiana di I131 assorbita che è stata sercenuta nel latte fu del 56%. Questo ordine di grandezza è maggiore per  quanto riguarda il bestiame..."

Fonte: Hunt G.J. (1988). Radioattività nelle acque di superficie e costiere delle isole britanniche (1987)
Questo rapporto documenta l'influenza del radiocesio derivato da Chernobyl nel ciclo alimentare marino e non dà alcun suggerimento dei livelli molto elevati di radiazione nel ciclo alimentare terrestre.  I più alti livelli di radioattività furono segnalati nei pesci d'acqua dolce, con valori di concentrazione radioattiva media di Cs137 pari a 2.300 Bq/kg come nel luccio in Scozia. I livelli di Radiocesio 134,137 in molti campioni di pesci d'acqua dolce furono più o meno nella gamma di 1.000 Bq/kg.

Fonte: Jackson D., Jones S.R., Fulkner M.J. e Coverdale N.G.M. (1987). Controllo ambientale nelle vicinanze della centrale nucleare di Sellafield dopo il deposito di radioattività da Chernobyl.
"Concentrazioni massime sono state raggiunte nel mese di maggio 1986 nel latte, ed erano...da 500 a 1000 volte i valori di I131 e Cs137 nel 1985. I valori di Sr90 sono stati invece superiori di un fattore pari a 3-4."
Il totale del Cesio fu di 63.000 Bq/m2, di cui il 60% da attribuirsi a Chernobyl.

Fonte:
Johnston K. (1987). La regione montuosa britannica che giace ancora contaminata.
I modelli matematici iniziali che hanno predetto un veloce declino dei livelli di Cesio si sono dimostrati incorretti...I terreni silicei di torba che contengono poca argilla non riescono ad assorbire il cesio... Dei 4,2 milioni iniziali, più di 270.000 capi di pecore e agnelli sono ancora sotto restrizioni.


Fonte:
Johnston K. (1987). Pecore britanniche ancora contaminate dal fallout di Chernobyl.
Il radiocesio venne maggiormente assorbito dalle radici degli alberi rispetto ai valori bassi riscontrati all'interno dell'argilla o del terriccio. Le restrizioni sulle pecore vennero anche estese alle proprietà agricole e ai pascoli precedentemente indicate come sicure. (agosto 1987).

Fonte:
Jones G.D., Forsyth P.D. e Appleby P.G. (1986). Osservazioni dell' Ag110m nel fallout di Chernobyl.
La concentazione massima di Ag110m nel manzo e nel fegato di agnello fu di 74 Bq/kg.

Fonte:
Leonard D.R.P., Camplin W.C. and Tipple J.R. (1990). Variabilità delle concentrazioni di radiocesio nei pesci d'acqua dolce nel Regno Unito dopo l'incidente nucleare di Chernobyl: Una valutazione dei rischi dei consumatori.
Livens
F.R., Fowler D. and Horrill A.D. (1992). Deposizione bagnata e secca di I131, Cs134,137 in un luogo della regione montuosa dell'Inghilterra del Nord.
Lo studio è stato fatto in una zona colpita leggermente dal fallout di Chernobyl. Il livello di Plutonio alla sommità della zona di testa (altitudine 847 m.) fu di 1.230 Bq/m2.
Come nel caso degli isotopi del Ru103 e del Cesio, solo il 20% di I131 si depositò in forma bagnata.

Fonte: Mason C.F. e MacDonald S.M. (1988). Radioattività nella lontra in Gran Bretagna a seguito dell'incidente al reattore di Chernobyl.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Luglio 1986 Galloway, Scozia Lontra Attività totale 79.500 Bq/kg peso secco

Picchi di concentrazione del periodo pre-Chernobyl furono di 7.400 Bq/kg, con una media geometrica di 640 Bq/kg per 52 campioni esaminati nel Galless nel mese di Gennaio 1985.

Fonte:
McAuley I.R. e Moran D. (1989). Fallout di radiocesio in Irlanda dall'incidente di Chernobyl.
Il rapporto iniziale di Cs137 e Cs134 nel fallout di Chernobyl fu di 1,90: Il livello di deposizione media fu di 3.200 Bq/m2, la concentrazione massima di 14.200 Bq/m2. La media generale pre-chernobyl per un campione 111 siti era di 600-800 Bq/m2 ad una profondità di 30 mm, escludendo il Cs137 che era stato ridistribuito meccanicamente a profondità più elevate del suolo.

Fonte:
Mitchell N.T. e Steele A.K. (1988). L'impatto marino del Cesio 134,137 dall'incidente del reattore di Chernobyl.
"Il radiocesio derivato da Chernobyl ha largamente mascherato l'attività di ritrattamento del combustibile (BNE-Sellafield) precedentemente trovata nel Mare del Nord."

Fonte:
Mondon K.J. e Walters C.B. (1990). Misurazioni del radiocesio e del radiostronzio nelle diete intere dopo la deposizione della radioattivà nel Regno Unito, originata dall'incidente alla centrale di Chernobyl.
Nair
S. e Darley P.J. (1986).  Una valutazione preliminare di diverse dosi nei dintorni di Berkeley e Gloucestershire, a seguito dell'incidente nucleare di Chernobyl.
In una zona con livelli bassi di fallout di Chernobyl: Te132 in erba fresca: 460 Bq/kg; Ru103 negli spinaci freschi: 140 Bq/kg; stima iniziale della deposizione sul terreno di Cs137: 630 Bq/m2. Questa è probabilmente una sottovalutazione dell'attuale deposizione in quest'area.

Fonte:
National Radiological Protection Board. (1986). Livelli di radioattività in Galles dall'incidente a Chernobyl il 26 Aprile 1986: Una compilation di risultati e di misurazioni ambientali.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Fino al 23 Maggio 1986 Galles Latte I131 190 Bq/l
Fino al 23 Maggio 1986 Galles Latte Ca137 443 Bq/l

Fonte: Nicholson K.W. e Hedgecock J.B. (1991). Comportamento della radioattività di Chernobyl nei materiali da costruzione.

In una zona con una deposizione secca relativamente bassa, sia le mattonelle d'argilla hanno mostrato una degradazione trascurabile del radiocesio, anzi in alcuni casi, un aumento inspiegabile dei livelli.

Fonte: Rafferty B., McGee E.J., Colgan P.A. e Synnott H.J. (1993). Ingestione dietetica del Radiocesio dalle pecore libere di montagna.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
1986 Irlanda Deposizione sul terreno Cs137 15.000 Bq/m2

L'attività del radiocesio nelle feci si è mostrata più adatta rispetto a quella nei vegetali per rilevare i livelli di radioattività nelle pecore libere di montagna.

Fonte:
Sandalls F.J. e Gaudern S.L. (1988). Radiocesio nelle superfici urbane nella Cumbria dell'Ovest cinque mesi dopo Chernobyl.
Valori di Cs137 pre-Chernobyl:
3.640 Bq/m2; Cs134,137 derivati da Chernobyl: 15.169 Bq/m2.

Fonte:
Sanderson D.C.W. e Scott E.M. (1989). Indagine radiometrica aerea in Cumbria dell'Ovest-1988.
Questa è un indagine radiometrica aerea e segue un'indagine aziendale eseguita da The Scottish Universities' Reactor Research Centre che mostra la deposizione di Cs137 derivato da Chernobyl in Cumbria fino a 40 volte superiore rispetto a quello originariamente riportato dal MAFF Institute for Terrestrial Ecology ground survey.
L'indagine ha mostrato livelli di deposizione che superano i 60.000 Bq/m2 nell'area della Cumbria. Le indagini di aggiornamento hanno isolato le zone con contaminazione intorno ai 300.000 Bq/m2 (almeno la metà di questo dato è da attribuire a Chernobyl), situate vicino all'impianto di riciclaggio del combustibile della centrale nucleare di Sellafield.

Fonte: Sherlock J., Andrews D., Dunderdale J., Lally A. e Shaw P. (1988). Le "in vivo" misurazioni dell'attività del radiocesio negli agnelli.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Giugno 1986 Cumbria Agnello Cs134,137 3.898 Bq/kg


Fonte:
Walling D.E. e Bradley S.B. (1988). Trasporto e redistribuzione del fallout di Chernobyl attraverso i processi fluviali.
L'assorbimento del Cs137 nei terreni alluvionati risultò fino a 100 volte più alto che nelle zone adiacenti. L'indagine della vegetazione dell'
ITE (Institute of Terrestrial Ecology) ha sottostimato le quantità di radiocesio derivato da Chernobyl.

Fonte:
Walters, B. (1988). L'attività dei Chernobyl-derivati nelle pecore: variazioni all'interno di un gregge e rispetto al tempo.
Un monitoraggio in vivo di 100 ovini introdotti in una zona con concentrazioni di radiocesio134,137 nelle erbe pari a 2.000 Bq/kg, ha rivelato livelli di attività medi di 1.300 Bq/km nelle pecore al pascolo.

Fonte:
Watson W.S. (1987). Misurazioni totali del potassio nel corpo umano - Gli effetti del fallout di Chernobyl.
Livelli medi di Cesio134 in un gruppo di 18 adulti in buona salute: 174 Bq.

Fonte:
Welsh Office. (1998). Più zone senza restrizioni delle pecore di Chernobyl & L'allevamento delle pecore dopo Chernobyl.
Le indagini iniziali del deposito di Cs137 sulla vegetazione, eseguite dall'Institiuto per l'ecologia terrestre (ITE) hanno mostrato concentrazioni massime inferiori ai 5.000 Bq/m2.

Nell'autunno del 1988, un'indagine aerea promossa dalla Scottish Universities' Reactor Research Centre hanno rilevato, in alcune regioni della Scozia, dei valori fino a 40 volte superiori a quelle indicate dal rapporto dell'ITE. Le concentrazioni massime di deposizione di radiocesio 134,137 Chernobyl-derivato erano pari a 100.000 Bq/m2.
Picchi di concentrazioni di radiocesio nelle vicinanze della centrale nucleare di Sellafield furono di 300.000 Bq/m2. I funzionari della centrale e quelli del
NRPB (National Radiological Protection Board) avevano precedentemente tenuto nascosto dati ufficiali e significativi riguardanti il deposito aereo di radiocesio derivato dalla centrale nucleare di Sellafield; è improbabile infatti che il deposito dei Chernobyl-derivati nelle vicinanze del complesso fu superiore ai 100.000 Bq/m2. Il nuovo e aggiornato rapporto : Le indagini aeree e radiometriche nell'Ovest della Cumbria, 1988, rimasero la prima indagine completa ed ufficiale.

Ex Yugoslavia

Fonte: Byrne A.R. (1988). Radioattività nei funghi, in Slovenia, seguente l'incidente di Chernobyl.

"La concentrazione media di Cs134,137 nell' R. caperata proveniente da 40 luoghi di campionamento aveva un peso secco di circa 22.000 Bq/kg."

"I livelli di radiocesio in certe specie probabilmente saranno destinati ad aumentrare in quanto il Cesio si depositerà negli strati meno superficiali del suolo.

"L'Ag110m fu trovato in concentrazioni di 500 Bq/kg (peso secco) in quelle specie conosciute per essere organismi accumulatori di questa sostanza".

Fonte: Juznic K. e Fedina S. (1987). Distribuzione di Sr89 e Sr90 in Slovenia, Yugoslavia dopo l'incidente di Chernobyl

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Maggio 1986 Slovenia Deposizione sul terreno Totale di radiostronzio 5.700 Bq/m2
Maggio 1986 Slovenia Deposizione sul terreno Sr90 420 Bq/m2
Maggio 1986 Slovenia Deposizione sul terreno I131 140.000 Bq/m2
Maggio 1986 Slovenia Deposizione sul terreno Cs134 12.000 Bq/m2
Maggio 1986 Slovenia Deposizione sul terreno Cs137 26.000 Bq/m2

La massima concentrazione di radiostronzio si è presentata nelle precipitazione a carattere piovoso soprattutto durante il periodo dal 3 al 5 Maggio 1986...Molta dell'attività nelle piante derivò dall'assorbimento diretto tramite le foglie.

Stati Uniti (U.S.A.)

Fonte: Juzdan Z.J., Helfer I.K., Miller K.M., Rivera W., Sanderson C.G. e Silvestri S. (1986). Deposizione dei radionuclidi nell'emisfero settentrionale a seguito dell'incidente di Chernobyl.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
5 Maggio 1986 Forks, WA Deposizione bagnata e umida Cs137 301,55 Bq/m2
5 Maggio 1986 Forks, WA Deposizione bagnata e umida I131 1.200 Bq/m2
5 Maggio 1986 Forks, WA Deposizione bagnata e umida Ru103 134,68 Bq/m2
5 Maggio 1986 Forks, WA Deposizione bagnata e umida Cs134 72,89 Bq/m2

Fonte: Larsen R.J., Sanderson C.G., Rivera W. e Zamichieli M. (1986). La descrizione dei radionuclidi nell'aria Nordamericana e Hawaiana e nella deposizione seguente l'incidente di Chernobyl. (Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti).

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
11 Maggio 1986 Rexburg, Idaho Concentrazione nell'aria I131 11,390 µBq/m3
11 Maggio 1986 New York City Concentrazione nell'aria I131 20,720 µBq/m3
11 Maggio 1986 New York City Concentrazione nell'aria Cs137 9,720 µBq/m3
11 Maggio 1986 Rexburg, Idaho Totale deposizione sul terreno I131 707 Bq/m2
11 Maggio 1986 Chester, NJ Totale deposizione sul terreno I131 168.4 Bq/m2
11 Maggio 1986 Chester, NJ Totale deposizione sul terreno Cs137 68.5 Bq/m2

I residui di Chernobyl apparvero sia nelle zone orientali che in quelle occidentali degli Usa, in simili quantità. In tutti i siti, il tasso di attività media di Cesio134 su Cesio137 fu di 1,9.
Questa è un'indagine dettagliata dei livelli di radioattività di concentrazione nell'aria a Barrow, Alaska; Moosonee, Canada; Beaverton, Oregon; Rexburg, Idaho; Chester, NewJersey;  New York, NY; Biscayne e Miami, Florida; Mauma Loa, Hawaii.
Tante piccole quantità di numerosi radionuclidi Chernobyl-derivati quali: Ru103,106; Ba140; La140; Zr95; Mo95; Ce141; Ce144 sono stati rilevati nella maggior parte delle stazioni di rilevamento.

Fonte: Larsen R.J., Haagenson P.L. e Reiss N.M. (1989). Processi di trasporto associati con le elevate concentrazioni iniziali di radioattività nell'aria degli Stati Uniti.
L'arrivo quasi simultaneo di detriti radioattivi in siti molto distanti fra di loro, è derivato da percorsi differenti che sono stati individuati in base ai residui liberati in tempi differenti durante il corso dell'incidente. Il percorso della nube radioattiva ha attraversato l'Artide al dì sotto della troposfera e l'Oceano Pacifico nel mezzo di questa. Concentrazioni massime di Beta lordo furono: 2,0 pCi/m3 (74.000 µBq/m3 il 10 Maggio nell'Idaho centromeridionale). Il rapporto contiene i dati radiometrici (isopleths) della concentrazione di beta lordo, insolitamente uniformi rispetto ai valori disomogenei del fallout di Chernobyl notati in altri paesi e quindi difficilmente confrontabili con questi.

Fonte: Larsen R., Juzdan Z.R. (1986). Radioattività a Barrow e Mauna Loa a seguente l'incidente di Chernobyl. (Ministero del Commercio USA).

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Maggio 1986 Barrow, Alaska Concentrazione di superficie nell'aria I131 218,7 fCi/m3
Maggio 1986 Barrow, Alaska Concentrazione di superficie nell'aria Cs134 18,6 fCi/m3
Maggio 1986 Barrow, Alaska Concentrazione di superficie nell'aria Cs137 27,6 fCi/m3
Maggio 1986 Mauna Loa, Hawaii Concentrazione di superficie nell'aria I131 28,5 fCi/m3
Maggio 1986 Mauna Loa, Hawaii Concentrazione di superficie nell'aria Cs134 11,2 fCi/m3
Maggio 1986 Mauna Loa, Hawaii Concentrazione di superficie nell'aria Cs137 22,9 fCi/m3

La concentrazione nell'aria è indicata solamente in picocuries o, in Europa, in microbecquerels (µBq); un femtocurie (10-15) è tre ordini di grandezza minore che un picocurie (10-12). Il livello minimo rilevabile nell'aria è 0,01 pCi/m3 (10 femtocuries). La maggior parte dei rapporti di radioattività negli USA non sono specifici del nuclide ma sintetizzano il tutto nell'attività beta lorda nelle particelle disperse dell'aria. Questi dati mostrarono un effetto minimo dell'impatto avuto dall'incidente di Chernobyl ma sono fra i punti interessanti del confronto con le concentrazioni nell'aria dei radionuclidi Chernobyl-derivati registrati in Finlandia o in altre zone del Nord America (vedi il Canada).

Fonte: Ente per la salvaguardia dell'ambiente degli Stati Uniti (1986). Dati ambientali di radiazione: Rapporto 46: Aprile 1986 - Giugno 1986.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
11 Maggio 1986 Montpelier, VT Precipitazioni Gross Beta 6,26 nCi/m2
12 Maggio 1986 Spokane, WA Precipitazioni I131 6,620 pCi/l
13 Maggio 1986 Cheyenne, WY Precipitazioni Cs137 710 pCi/l
16 Maggio 1986 Cheyenne, WY Precipitazioni Gross Beta 710 pCi/l
Maggio 1986 Lincoln, NE Particella dell'aria Gross Beta 14,3 pCi/m3
4 Giugno 1986 Seattle, WA Latte Cs137 66 pCi/l

Nel Maggio del 1986 fu notata un'ampia gamma di nuclidi in tutti gli USA quali: Ru103, Ru106, Cs134,136,137, Ba140, La140, I132 e Zr95.
La maggior concentrazione di I131 fu individuata nella precipitazione di Maggio e rilevata in15 rapporti con valori superiori ai 1.000 pCi/l in tutte le stazioni di rilevamento.

  • Maine

Fonte: Toppan C. (Appunti liberi 9-13 Maggio 1986). Iodio rilevato nell'acqua piovana dal responsabile del Dipartimento dei  Servizi Umani, Augusta ME.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
7-8 Maggio 1986 Augusta Deposizione bagnata I131 1,561 pCim2
9 Maggio 1986 Augusta Pioggia I131 110 pCi/l

Fonte: Toppan C. (appunti liberi 9-13 maggio 1986). Aggiornamento sul controllo della radiazione del responsabile del Dipartimento dei Servizi Umani, Augusta, ME.

12 Maggio 1986 Augusta Concentrazione nell'aria I131 0,80 pCi/m3

Fonte: Schell R. (Appunti del 9 Luglio 1986). Report trimestrale della radiazione. Dipartimento dei Servizi Umani, Augusta, ME.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
16 Maggio 1986 Maine Latte I131 52,5 pCi/l
Maggio 1986 Wiscasset, ME Alga I131 176 pCi/kg
Giugno 1986 Maine Latte Cs137 20,29 pCi/l
Giugno 1986 Maine Latte Cs134 9,68 pCi/l
  • Maryland

Fonte: Dibb J.E. e Rice D.L. (1988). Fallout di Chernobyl nella regione di Chesapeake Bay.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
8 Maggio-20 Giugno 1986 Solomons MD Deposizione sul terreno Cs137 4.4250 Bq/m2
8 Maggio-20 Giugno 1986 Solomons MD Deposizione sul terreno Cs134 2.000 Bq/m2
8 Maggio-20 Giugno 1986 Solomons MD Deposizione sul terreno Ru103 22.000 Bq/m2

I Livelli elevati di fallout ebbero luogo il 22 Maggio 1986 e furono associati con la caduta della pioggia.
I rapporti isotopici del Cs134, Cs137 furono gli stessi di quelli misurati in Svezia, Parigi, Giappone e Tennessee.
I livelli elevati di fallout di Chernobyl segnalati nel Maryland contraddicono con quelli dell'EPA e di altri rapporti federali che indicano poca o nessuna presenza di precipiatazione radioattiva nell'area del Maryland.
La deposizione sul suolo del Cs137 (4.4250) eguaglia o supera quella totale delle arimi che verificano il fallout di Chernobyl in questa località.

  • New Jersey

Fonte: Dreicer M. e Klusek C.S. (1988). Passaggio di I131 attraverso erba-mucca-latte ad una latteria del NordEst degli USA dopo l'incidente di Chernobyl.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
15 Maggio 1986 Chester, NJ Erba I131 72,2 Bq/kg peso secco
17 Maggio 1986 Chester, NJ Latte I131 1,47 Bq/l

Parecchi rapporti dell'EML compilati nel laboratorio di Cherster,NJ sono segnalati sotto l'interstazione di New York (area metropolitana)

Fonte: D
reicer M., Helfer I.K. e Miller K.M. (1986). Misurazione dell'attività del fallout di Chernobyl nell'erba e nel terreno di Chester, NJ.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
17 Maggio 1986 Chester, NJ Deposizione sull'erba Cs137 9,40 Bq/m2
23 Maggio 1986 Chester, NJ Deposizione sul suolo I131 47,2 Bq/m2
3 Giugno 1986 Chester, NJ Deposizione sul suolo Ru103 18,46 Bq/m2
  • New York

Fonte: Feely H.W. Helfer I.K., Juzdan Z.R., Klusek C.S., Larsen R.J., Leifer R. e Sanderson C.G. (1988). Fallout nell'area metropolina di New York dopo l'incidente di Chernobyl.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Maggio 1986 NY City Air/gas I131 23 mBq/m3
Maggio 1986 NY City Air/aerosol I131 20 mBq/m3
Maggio 1986 NY City Air/aerosol Cs137 9,5 mBq/m3
Maggio 1986 NY City Latte Cs137 1,5 Bq/l

"Il totale della deposizione di Cs130 fu minore dell'1% di quella già presente nel terreno per il fallout dei test da armi nucleari..."
Il rapporto massimo di concentrazione del Cs130 nell'erba di 8 Bq/m2 è diverso dai livelli elevati registrati nelle altre stazioni di rilevamento di tutti gli Stati Uniti.
L'attività totale dello Iodio in aria di 43 mBq/m3 (43.000 µBq/m3) è molto più elevato rispetto al livello di radioattività ambientale.


Fonte:
Klusek C.S., Sanderson C.G.  Rivera, W. (1986). Concentrazioni di I131 e di Cs134,137 nel latte nell'area metropolitana di NewYork a seguito dell'incidente di Chernobyl.
Il 12 Maggio 1986, nell'area metropolitana di New York i livelli, nel latte fresco, furono di 40 pCi/l per lo I131 e 80 pCi/l per il Cs137. Il latte pastorizzato mostrò concentrazioni massime di I131 il 28 Maggio 1986 con 82 pCi/l.

Fonte: Leifer R., Helfer I., Miller K. e Silvestri S. (1986). Concentrazioni gassose di I131 A New York City dopo l'incidente di Chernobyl.
La concentazione gassosa di I131 nell'aria di New York City il 10-12 Maggio 1986 fu rilevati in 23 mBq/m3.

Fonte: Miller K.M. e Gedulig J. (1986). Misurazioni della radiazione esterna nella nuova area metropolitana di New York.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
23 Maggio 1986 Chester NJ Deposizione sul terreno I131 30 Bq/m2
23 Maggio 1986 Chester NJ Deposizione sul terreno Ru103 15 Bq/m2
  • Oregon

Fonte: Gebbie K.M. e Paris R.D. (1986). Chernobyl: risposta dall'Oregon.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
9 Maggio 1986 Portland Pioggia Gross Beta 481 pCi/l
5-10 Maggio 1986 Portland Attività nell'aria Gross Beta 1.031 pCi/m3
11 Maggio 1986 Portland Deposizione sul terreno I131 9.157 pCi/m2
11-12 Maggio 1986 Portland Totale aria I131 2.9 pCi/m2
12 Maggio 1986 Willamette Valley Latte I131 167 pCi/l
19 Maggio 1986 Willamette Valley Latte Cs137 97 pCi/l

Questo rapporto è più dettagaliato di quello disponibile dalla condizione di Washington e fornisce una documentazione eccellente dell'effetto relativamente moderato del fallout di Chernobyl nell'Oregon.

  • Tennessee

Fonte: Bondietti E.A., Brantley J.N. e Rangarajan C. (1988). Distribuzione per ampiezza e sviluppo degli aerosol submicron e Chernobyl-derivati nel Tennessee.
Gli aerosol forniscono la chiave del trasporto degli aerosol volativli durante l'incidente di Chernobyl.
Un tasso di accrescimento lineare di circa
0,013 µm al giorno è stato osservato nella bassa troposfera dopo che il diametro medio aveva raggiunto circa 0.4 µm.
Sono stati notati due impulsi di radioattività derivata da Chernobyl. Il primo arrivò il 10 Maggio, il secondo picco il 20-23 Maggio contenne alti livelli di Ru103.
Il cambiamento nello spettro del prodotto di fissione ha illustrato una seconda fase dell'incidente di Chernobyl (5 maggio 1986) dove venne liberato gran parte del Cesio.

Fonte: Bondietti E.A. e Brantley J.N. (1986). Caratteristiche dellaa radioattivà di Chernobyl nel Tennessee.
"...L'incidente del reattore di Chernobyl è stato rilevato in primo luogo nei campioni d'aria a Oak Ridge, Tennesse il 10 Maggio 1986... Due fasi distinte della radioattività dispersa nell'aria erano evidenti nelle nostre misurazioni. La prima fase durò dal 10 al 17 Maggio 1986 e fu caratterizzata da un tasso d'attività Cs137 / Ru103 di circa 1,5... La seconda fase cominciò il 18 Maggio, quando una precipitazione derivata da una tempesta ha rese molto più elevate le attività di Ru103 e Ba140.

  • Vermont

Fonte: Vermont State Department of Health. Programma ambientale di sorveglianza della radiazione del Vermont (1986).

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
Maggio 1986 Vermont Particelle dell'aria Gross Beta 0,113 pCi/m3
Maggio 1986 Vermont Latte I131 88 pCi/l
Giugno 1986 Vermont Fiddleheads Cs137 328 pCi/kg
Giugno 1986 Vermont Fiddleheads Ru103 261 pCi/kg
Settembre 1986 Vermont Boletus selvaggio Cs137 3.750 pCi/kg
Settembre 1986 Vermont Russla selvaggia Cs137 3.660 pCi/kg

Il rapporto n° 46 dell'EPA (Dati ambientali della radiazione, EPA 520-5-8704) registrò, l'11 maggio 1986 a Montpelier, il deposito bagnato di I131 a 12.300 pCi/m2 e con pioggia di 1.660 pCi/l. Le informazioni riguardanti la deposizione al suolo di radiocesio difettano non soltanto nel Vermont ma anche nella maggior parte delle stazioni di rilevamento degli Stati Uniti.

  • Washington

Fonte: Pickett B. (1987). Attività di DSHS (dipartimento dei servizi medico-sanitari e sociali, Olympia WA.) concernenti l'incidente nucleare di Chernobyl.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
5 Maggio 1986 Spokane Acqua piovana I131 6.620 pCi/l
5 Maggio 1986 Redland Latte I131 560 pCi/l
5 Maggio 1986 Spokane Gross Beta I131 2,2 pCi/l
5 Maggio 1986 E. Washington Cibo Cs124,137 1.250 pCi/kg

Fonte: Picket B.D. (1987). Valutazione del fallout di Chernobyl nello stato di Washington.

PERIODO ZONA O REGIONE ELEMENTO CAMPIONE SOSTANZA QUANTITA'
12 Maggio 1986 Portland Pioggia I131 6.000 pCi/l
12 Maggio 1986 Portland Pioggia Gross Beta 2,2 pCi/m3